Diciamo addio al prurito delle punture di zanzara con il trucco francese

Se c’è qualcosa che odiamo d’estate sono proprio loro. Le zanzare sono proprio una grande disgrazia, tanto che ci sono persone pur di non trovarle non escono fuori di casa. Peggio per loro, le zanzare arrivano anche dentro casa, soprattutto dentro la cucina e la camera da letto. Il perché noi di ProiezionidiBorsa abbiamo provato a specificarlo in questo articolo.

Ecco, il vero problema è che non possiamo liberarci facilmente delle zanzare. Vengono da noi perché possiamo nutrirle con il nostro sangue. Possiamo metterci degli spray che le tengono lontane, ma, se ci dimentichiamo di una parte del corpo, sono dolori.

Tuttavia, possiamo trovare delle soluzioni semplici per alleviare questo fastidioso problema. Sul rumore c’è poco da fare, quello che possiamo controllare, però, è di non farle avvicinare a noi. Infatti, diciamo addio al prurito delle punture di zanzara con il trucco francese.

Impariamo dal Sud della Francia

Quando pensiamo alle zanzare, pensiamo soprattutto a due posti. La Pianura Padana e il Sud della Francia. Non proprio tutto il Sud, una parte molto paludosa. Parliamo, infatti, della Camargue, splendida zona che parte da Arles e segue il Rodano. Qui la natura selvaggia regna sovrana: tori, cavalli e fenicotteri colorano l’ambiente di rosa, bianco e nero. Oltre a loro, però, ci sono anche un’infinità di zanzare. Sia la fauna sia la popolazione locale ha escogitato alcuni trucchi per difendersi dalle zanzare. Vediamo il più diffuso.

Diciamo addio al prurito delle punture di zanzara con il trucco francese

Ecco, la popolazione locale ha guardato cosa fanno i cavalli e i tori per difendersi. Quando arriva uno sciame di zanzare, gli animali tendono ad avvicinarsi moltissimo. In questo modo riescono a proteggersi gli uni con gli altri, dando colpi con la coda dappertutto. Noi umani la coda non ce l’abbiamo, ma come insegnano gli abitanti della Camargue proviamo a fare la seguente cosa. Avviciniamoci tutti e cerchiamo di proteggerci anche noi a vicenda.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te