blank

Detrazioni fiscali: come funzionano per i figli a carico

Detrazioni fiscali: come funzionano per i figli a carico.

Come ogni anno anche quest’anno, il contribuente è chiamato a dichiarare oltre ai redditi percepiti nel corso dell’anno precedente, anche le spese detraibili sostenute per se stesso e per la famiglia.

Per cui tra gennaio e luglio, rieccoci a parlare di dichiarazione dei redditi, detrazione e deduzione delle spese.

Crowfunding immobiliare: ROI operazione 11,25%, ROI ANNUO 9,00%! - Scopri di più »

Cercheremo di spiegare come funzionano le detrazioni fiscali per i figli a carico e a chi spettano anche in situazioni particolari.

Detrazioni fiscali: come funzionano per i figli a carico

Il nostro sistema fiscale riconosce una detrazione di imposta ossia “uno sconto” sulle tasse da pagare per i figli a carico.

Questa detrazione è prevista quando i ricorrono determinati requisiti sia anagrafici che reddituali.

Spetta la detrazione quando i figli hanno:

– meno di 24 anni e un reddito sino a 4.000 euro lordi annui,

– sopra i 25 anni e un reddito lordo annuo inferiore a 2.840,51 euro.

L’importo della detrazione fiscale varia a seconda del reddito del richiedente e del numero di figli.

L’importo spettante diminuisce con l’aumentare del reddito, fino ad annullarsi quando il reddito complessivo arriva ad euro 95.000.

A quanto ammonta la detrazione

Attualmente, la detrazione di base per i figli a carico è pari a:

-euro 1.220, per il figlio di età inferiore a tre anni

-euro 950, se il figlio ha un’età pari o superiore a tre anni

Se in famiglia ci sono più di tre figli a carico, questi importi aumentano di euro 200 per ciascun figlio, a partire dal primo.

Per il figlio disabile, riconosciuto tale ai sensi dalla legge n. 104 del 1992, si ha diritto all’ulteriore importo di euro 400.

A chi spettano le detrazioni fiscali quando i genitori sono separati

Nel caso di separazione, divorzio o regolamentazione dei rapporti tra genitori non sposati, le detrazioni fiscali per i figli a carico avvengono secondo le seguenti disposizioni:

-se il figlio è affidato in via esclusiva ad uno dei genitori, la detrazione spetta al 100% al genitore affidatario in via esclusiva

-se il figlio è affidato ad entrambi i genitori, la detrazione spetta al 50% ad entrambi i genitori indipendentemente dai tempi di permanenza del figlio presso l’uno o l’altro genitore

Quando la detrazione spetta ad uno solo dei genitori

La detrazione spetta ad uno solo dei genitori quando:

a) l’altro genitore non ha un reddito sufficiente per poterne godere

b) i genitori si accordano tra loro affinchè la detrazione spetti ad uno solo di essi.

Il genitore che gode dello sconto fiscale su accordo dell’altro genitore, deve versare a quest’ultimo il 50% di quanto risparmiato.

Non deve versare nulla se nell’accordo hanno previsto una dispensa dalla restituzione.

Approfondimento 

Conto corrente cointestato: 3 motivi da non sottovalutare mai per non sceglierlo

Scopri Plus500
Scopri Plus500
Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.