Davvero le multe nel 2021 saranno meno care? Vediamo come e perché

Un aspetto vantaggioso della crisi sembra profilarsi per il nuovo anno. Sembra che ci saranno dei ridimensionamenti degli importi delle multe. Sicchè, si ci chiede: “davvero le multe nel 2021 saranno meno care? Vediamo come e perché”. Ebbene, la ragione è che l’indice Foi per le rivalutazioni monetarie, pubblicato dall’Istat, ha rilevato un valore di segno negativo. Sicchè, le multe saranno più basse ma ancora manca il decreto che stabilisca i dettagli della cosa. Quindi, la ragione è certamente che l’indice su indicato, per i prezzi dei beni al consumo, che va periodicamente aggiornato, incide anche sul prezzo delle multe. A stabilirlo è l’art. 195 comma 3 del Codice della Strada. Esso prevede che la misura delle sanzioni amministrative pecuniarie venga aggiornata ogni due anni in misura pari alle variazioni accertate dall’ISTAT. Sicchè, entro il 1° dicembre di ogni biennio, dovrà avvenire l’adeguamento.

Come avverrà l’abbassamento del costo delle multe

A questo punto, cerchiamo di rispondere compiutamente alla domanda iniziale: “davvero le multe nel 2021 saranno meno care? Vediamo come e perché”. Al riguardo, come indicato, la norma è chiara in quanto entro il 1 dicembre di ogni biennio il Ministro della Giustizia, di concerto con quello dell’Economia e delle Infrastrutture, deve emanare un decreto contenente gli importi aggiornati delle multe.

Senonchè, fino a oggi, gli importi delle multe non sono mai diminuiti ma il 2020 è stato un anno troppo difficile per non tenerne conto. Quindi, si attende l’indicato decreto ancora non emanato, per prendere visione di quali saranno le novità e gli adeguamenti. Di base, ci sono tutti i presupposti necessari per ridimensionare, finalmente, dopo oltre 20anni, l’importo delle contravvenzioni per le violazioni al Codice della strada. Si spera, tuttavia, di non andare incontro ad ulteriori delusioni, considerato che il primo dicembre è passato e non è stato emanato ancora il decreto.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te