Dal 15 febbraio 2021 ripartono i concorsi pubblici ma con nuove regole, ecco cosa cambierà

Dopo lo stop forzato causato dalla pandemia da coronavirus, dal 15 febbraio si aprono nuovamente le porte alle prove dei concorsi pubblici.
Tuttavia, tenendo conto dell’emergenza sanitaria ancora in corso e per prevenire la diffusione di nuovi contagi, è stato introdotto dalla Funzione Pubblica uno specifico protocollo, consultabile per intero qui. Un provvedimento validato anche dal Comitato tecnico scientifico, nel quadro del DPCM del 14 gennaio scorso.

Nuove regole per accedere alle prove

La prima sostanziale novità è che dal 15 febbraio ripartono i concorsi pubblici anche in presenza fisica.
Dunque, piano piano ci si avvia ad una certa normalità. Per i partecipanti, però, obbligo di tampone negativo eseguito non prima di 48 ore dalla selezione.

L’apertura alle sedi dei concorsi non sarà generalizzata.
Per ogni prova, infatti, sarà stabilito un tetto massimo di 30 accessi alla volta.

Altra novità in arrivo riguarda la possibilità di sottoporsi all’esame in presenza solamente per le prove scritte dei concorsi.
Le prove orali e pratiche, invece, possono svolgersi online.

Dal 15 febbraio 2021 ripartono i concorsi pubblici ma con nuove regole, ecco cosa cambierà. Le misure sanitarie

Il documento adottato dalla Funzione Pubblica prevede anche una serie di azioni atte a garantire la sicurezza degli ambienti.
Due al giorno e non consecutive le sessioni d’esame consentite, con un massimo di 30 partecipanti. Una scelta adottata per dar modo, agli addetti ai lavori, di igienizzare i locali e far fluire i candidati.

Obbligatoria la presenza di dispenser di gel igienizzante in tutte le aule e i flussi nell’area devono essere regolamentati anche mediante una cartellonistica orizzontale e verticale.

Inoltre, le postazioni per gli operatori addetti all’identificazione dei candidati devono prevedere appositi divisori in plexiglass.

Tra ciascun candidato dovrà essere garantita una distanza di due metri l’uno dall’altro in tutte le direzioni.

Intanto, i candidati dovranno essere informati delle misure prescritte dal protocollo tramite PEC o tramite una comunicazione riportata sul sito dell’amministrazione che ha organizzato il concorso.

Infine, resta l’obbligo per tutti i candidati di indossare la mascherina per tutta la durata della prova.

Se “Dal 15 febbraio 2021 ripartono i concorsi pubblici ma con nuove regole, ecco cosa cambierà” è stato utile ai Lettori, si consiglia anche “Nuove assunzioni a tempo indeterminato nella Pubblica Amministrazione, occhio a questo bando”.

Consigliati per te