Da cosa può essere causato il prurito al naso e come porre rimedio

Pochi inconvenienti sono più fastidiosi di un persistente prurito a cui non riusciamo a porre sollievo. Se per un prurito persistente in quasi tutte le parti del corpo basta una crema rinfrescante o farmaci antinfiammatori specifici, purtroppo non è così facile risolvere un prurito al naso. Il prurito al naso può avere varie cause, e anche i rimedi possono essere diversi a seconda di quale sia l’origine del disturbo.

Vediamo da cosa può essere causato il prurito al naso e come porre rimedio.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Allergie

Se ci prude il naso, la maggior parte delle volte il fenomeno è causato da un’allergia. Tra gli allergeni più comuni vi è sicuramente il pelo di gatti e cani (questa razza di cane è antiallergica, perfetta per chi soffre di disturbi al naso). Altri allergeni comuni sono la polvere o le graminacee. Meglio tenersi alla larga da queste sostanze, e il naso smetterà di prudere.

Ma oltre alle allergie, da cosa può essere causato il prurito al naso e come porre rimedio?

Polipi nasali

I polipi sono un disturbo fastidiosissimo, e a volte doloroso, che può portare a prurito persistenze e parziale perdita dell’olfatto. Si tratta di escrescenze morbide che crescono all’interno della mucosa nasale. Per porre rimedio occorre usare farmaci specifici. Un medico saprà consigliarci al meglio.

Secchezza dell’aria

Respirare aria troppo secca può causare dei problemi alle mucose nasali. Come tutte le mucose, anche quelle nasali hanno bisogno di rimanere ben idratate. Le mucose secche possono causare irritazione, prurito, screpolature, e disturbi respiratori. Meglio non esagerare con i deumidificatori, specialmente d’inverno. Un rimedio casalingo veloce è mettere dell’acqua a bollire sulla fiamma, che evaporando umidificherà l’aria in maniera naturale.

Tumori nasali

Purtroppo il prurito all’interno del naso può anche essere causato da tumori nasali, anche se sono molto rari.

Essi possono essere benigni o maligni. In ogni caso andranno esaminati e rimossi da un medico

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Consigliati per te