Cuciniamo questo cremoso risotto con una verdura di stagione poco usata in cucina ma ricca di fibre e minerali

Meglio cominciare ad adeguarsi all’arrivo dell’inverno comprando frutta, verdura e pesce di stagione. Una scelta più sostenibile per l’ambiente, economica e che permette anche di godere meglio dei nutrienti presenti al loro interno.

La ricetta che proponiamo ha per ingrediente il cardo, noto anche come carciofo selvatico. Si tratta di un ortaggio già noto in antichità: greci, persiani e romani lo consideravano pregiato e ne mangiavano i germogli. È ricco di calcio, potassio e fibre a fronte di un limitato apporto calorico.

Si cucinano assieme alle patate, meglio ancora se gratinati con una generosa colata di besciamella. Assieme alle salsicce, diventa però l’ingrediente perfetto per un primo piatto tipicamente invernale. Cuciniamo questo cremoso risotto con una verdura di stagione poco usata in cucina ma ricca di fibre e minerali.

Ingredienti per 4 persone

  • 300 g di riso per risotti (Carnaroli, Roma…);
  • 60 g di salsiccia di maiale;
  • 500 g di cardo;
  • 1 limone;
  • q.b. sale, pepe, olio extravergine d’oliva, semi di sesamo;
  • 1 bicchiere di vino bianco secco;
  • 1 scalogno;
  • 50 g di burro;
  • 50 g di grana;
  • 1 l di brodo vegetale.

Cuciniamo questo cremoso risotto con una verdura di stagione poco usata in cucina ma ricca di fibre e minerali

Il primo passo è dedicarsi alla pulizia dei cardi. Per farlo si consiglia di munirsi di guanti e indossarli, onde evitare di annerirsi le mani. Prendere il coltello e usarlo per rimuovere il cespo del cardo e staccarne le singole coste. Rimuovere le foglie più esterne. Quelle interne possono essere conservate e riutilizzate in future ricette. Togliere i filamenti del cardo, come si fa in genere col sedano, e dunque affettarlo in rondelle di mezzo centimetro di spessore. Metterle in una bacinella con acqua e limone per evitare che si anneriscano.

Tritare lo scalogno e metterlo a rosolare in una noce di burro. Intanto, togliere il budello dalla salsiccia e sbriciolarla usando le mani. Rosolare anche la salsiccia e aggiungere il riso, da far tostare per un paio di minuti. Durante questa fase andrà anche regolato di sale e pepe.

Sfumarlo col vino e, quando evapora, far sgocciolare i cardi e aggiungerli al resto degli ingredienti. Quindi, si potrà far cuocere il risotto, versando a mano a mano il brodo. Dopo venti minuti, spegnere il fuoco e mantecare il riso con la grana e servirlo guarnendolo con una spolverata di semi di sesamo.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te