Criptovalute: alternativa alle borse? Verifichiamolo nei prossimi giorni

Sappiamo che tra la varie giustificazioni addotte per spiegare gli exploit del 2017 delle cripto-valute, una delle più accreditate è stata quella di considerarle un bene rifugio.
Certamente la blockchain ne attesta la tiratura limitata(almeno per i progetti seri…) e questo è un rilevante plus rispetto alla valute tradizionali spesso sfornate senza limiti come i soldini del Monopoli.

Dopo la grande abbuffata nel 2018 la depressione del settore. Non c’è stato verso di accreditare le cripto di un ruolo del genere. Né la discesa repentina dei listini a febbraio ha visto le monetine tech fare da parafulmine alternativo né tanto meno nelle successive fasi di recupero delle borse si è vista voglia di risalire.

Quindi né correlate né de-correlate. Quasi disperse.

Se non che, nelle ultime settimane qualcosa sta cambiando. Finita l’era della guerra alle cripto, che ho sempre interpretato come la volontà di limitare il numero di nuove ICO, a inizio 2018 dilagante, qualcosa sta cambiando. E non di poco conto.
I grandi player della rete da Google ai principali social hanno revocato (o stanno per farlo) il blocco alle inserzioni sulle criptovalute e annessi e connessi.

Criptovalute: alternativa alle borse? Verifichiamolo nei prossimi giorni ultima modifica: 2018-09-28T14:47:44+02:00 da Gianluca Braguzzi

Trova il tuo broker

Tickmill
XM
Ava Trade

Consigliati per te

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.