Cosa succede se si mette un uovo nell’aceto? 

L’uovo è un alimento che tutti conosciamo nei suoi mille impieghi. Essendo ricco di proteine nella parte bianca e ricco di vitamine nel tuorlo, ha molti benefici. Può essere cucinato anche come singolo piatto in vari modi dall’uovo alla coque, all’occhio di bue o anche semplicemente sodo. È impiegato anche per fare impasti per varie ricette. Tra tutti questi usi e questi modi di trattarlo però c’è un procedimento particolare che in pochi conoscono. Vediamo allora cosa succede se si mette un uovo nell’aceto.

L’uovo nudo

Il procedimento da effettuare è semplice, basta mettere un uovo crudo con tanto di guscio in una bacinella. Aggiungiamo tanto aceto da coprire interamente l’uovo e aspettiamo circa 24 ore. Prima di sapere cosa succede bisogna conoscere due semplici nozioni. Il guscio dell’uovo è costituito prevalentemente da calcare. L’aceto invece come forse già sappiamo ha un ottima azione anti calcare. Anche per questo viene spesso usato nelle pulizie della casa. Tornando nel nostro caso invece, nell’arco di tempo che abbiamo descritto l’aceto scioglierà interamente il nostro guscio.

Quindi cosa succede se si mette un uovo nell’aceto? Otterremo un uovo nudo. Ovvero questo sarà completamente privato del guscio, ma nonostante sia ancora crudo non si scioglierà. Questo perché con questo procedimento non saranno intaccate le due sottilissime membrane che lo rivestono. Quindi sarà molto fragile, ma ancora intero e se fatto delicatamente si potrà prendere con le mani. Inoltre per lo strato molto sottile delle membrane e la consistenza liquida interna si potrà vedere il tuorlo. Sarà uno spettacolo davvero insolito sia per la vista che per il tatto.

La magia dell’osmosi

Inoltre potremo accorgerci che l’uovo che abbiamo trattato in realtà si è anche ingrandito. Questo perché le sue membrane sono semipermeabili e permettono il passaggio di liquidi. A casua di un fenomeno chiamato osmosi, infatti, l’uovo dopo aver perso il guscio, assorbe un po’ dell’aceto in cui era immerso. Per divertimento possiamo facilmente invertire il processo e disidratare l’uovo.

Per farlo basta metterlo in una sostanza più povera di acqua. Come ad esempio alcuni sciroppi o del miele. Vedremo che pian piano il nostro uovo diventerà più piccolo perché rilascerà l’acqua verso l’esterno. Quando lo tireremo fuori avrà un aspetto molto particolare, sarà tutto nodoso. Possiamo attuare questo processo in una direzione o nell’altra a nostro piacimento quante volte vogliamo.

Consigliati per te