Cosa significa rischio microbiologico e perché i prodotti che lo presentano devono essere ritirati dal commercio

Il cibo influenza in modo importante la nostra salute. Per garantire e tutelare la salute delle persone sia le autorità sanitarie (Ministero della Salute, Regioni, ASL) che gli operatori del settore alimentare sono chiamati a svolgere attività di sorveglianza.

Sono inoltre chiamati a verificare sia le condizioni igienico-sanitarie dei cibi sia gli ambienti e le attrezzature di lavoro utilizzate per tale produzione.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

A volte i controlli non bastano

Nonostante ci siano regole e controlli ferrei nella catena di produzione degli alimenti, la filiera è davvero molto lunga e può capitare che si verifichino incidenti. A questo punto diventa di cruciale importanza allertare immediatamente i consumatori rispetto al rischio che incorrono. Il Ministero lo fa tramite il portale ufficiale Richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori.

A settembre già molte aziende hanno ritirato dagli scaffali i loro prodotti. C’è stato il caso di alcuni prodotti a base di pesce contaminati da una biotossina e ancora degli yogurt che presentavano un rischio chimico. Pochi giorni fa invece un’azienda è stata costretta a ritirare i prodotti dagli scaffali per rischio microbiologico.

Il motivo del richiamo

Sulla confezione del prodotto richiamato appare una data di scadenza sbagliata, dove mese e giorno risultano invertiti. Questo significa che al momento del richiamo il prodotto era quindi già scaduto ed è stato giustamente ritirato.

I consumatori che hanno acquistato il prodotto possono riportarlo al punto vendita e ottenere il rimborso. Ma quali sono i rischi per chi ha già consumato questo prodotto? Vediamo cosa significa rischio microbiologico e perché i prodotti che lo presentano devono essere ritirati dal commercio.

Cosa significa rischio microbiologico e perché i prodotti che lo presentano devono essere ritirati dal commercio

Per rischio microbiologico si intende la possibilità di contrarre malattie causate da batteri, virus e altri microrganismi patogeni ingeriti attraverso il consumo di alimenti.

Gli esperti distinguono le malattie a trasmissione alimentare in 3 tipi:

  • Infezioni, che derivano dall’ingestione di alimenti con parassiti, virus o batteri vivi
  • Intossicazioni, quando si ingeriscono alimenti in cui ci sono tossine già formate da batteri, che possono essere ancora vivi oppure no;
  • Tossinfezioni, quando si ingeriscono batteri vivi che si moltiplicano all’interno dell’organismo producendo tossine

Nonostante la gravità di queste possibili conseguenze sia varia, quando siamo di fronte a questo tipo di incidenti è di fondamentale importanza consultare il medico e nel caso di sintomi gravi andare immediatamente al Pronto Soccorso.

In linea generale, ci sono alcune cautele da seguire per evitare di contrarre queste malattie:

  • Usare acqua e ingredienti sicuri;
  • Evitare che i cibi subiscano sbalzi di temperature;
  • Cuocere bene gli alimenti;
  • Evitare di riporre in frigo alimenti crudi e cotti insieme;
  • Lavare le mani dopo aver toccato alimenti crudi;
  • Pulire bene le superfici della cucina.

Consigliati per te