Cosa si rischia se si parcheggia la seconda auto nell’area condominiale?

Nei condomini, si sa, c’è sempre terreno fertile per alterchi. Uno dei maggiori motivi di scontro tra vicini è rappresentato sicuramente dal posto auto.

Ebbene, finché l’area condominiale adibita a parcheggio è sufficientemente vasta da ospitare le auto di tutti i condomini, “nulla quaestio”.

Ma cosa succede quando il numero di posti auto è inferiore rispetto a quello degli appartamenti? E se un condomino ha una seconda auto?

Capita spesso, infatti, che il parcheggio di un condominio non sia sufficientemente vasto da consentirne il simultaneo godimento di tutti i comproprietari.

In questo caso, entra in gioco l’organo di autogoverno del condominio: l’assemblea.

Cosa si rischia se si parcheggia la seconda auto nell’area condominiale

Qualora i posti auto non fossero sufficienti per tutti i condomini, una soluzione potrebbe essere l’uso turnario del bene.

L’assemblea, infatti, può deliberare, a maggioranza, il godimento turnario dei posti adibiti a parcheggio. In questo modo nessun condomino sarà escluso e tutti sono chiamati a goderne della cosa comune.

Da questa decisione ne deriverebbe però l’impossibilità di utilizzo da parte di condomini non titolari del turno.

Ma tale previsione, espressione del potere di regolamentare l’uso della cosa comune, è in perfetta sintonia con quanto previsto dall’art 1102 c.c.

Si farebbe leva, dunque, sul principio secondo il quale ciascun condomino godrebbe in via esclusiva e per un dato lasso di tempo della cosa comune. E questo senza essere turbato da interferenze da parte degli altri compartecipi.

Ma l’art. 1102 c.c. rende illegittima ogni delibera assembleare che vada a consentire l’utilizzo, da parte di condomini con seconda auto, degli spazi adibiti a parcheggio ma temporaneamente lasciati disponibili dai beneficiari del turno. Verrebbe meno infatti la possibilità di pieno godimento del bene per questi ultimi.

La doppia auto ed il parcheggio abusivo

Abbiamo visto che la delibera che eventualmente prevede la fruizione del posto auto lasciato vacante durante il turno alla seconda auto di un condomino è nulla.

Allo stesso modo lo è la delibera che proceda ad assegnazione nominativa da parte del condominio a favore dei singoli compartecipi di posti fissi nel parcheggio della seconda autovettura.

Ciò prima di tutto perché sottrarrebbe l’utilizzazione del bene a chi non possiede la seconda auto. Ma anche perché un’attribuzione di tipo nominativo andrebbe a porre le basi per l’acquisto della proprietà dell’area a titolo di usucapione, in via automatica. Questo per il solo fatto che sia impedito agli altri condomini di utilizzare quell’area.

Ma cosa si rischia se si parcheggia la seconda auto nell’area condominiale? Ebbene, il condomino che, in barba alle disposizioni, colloca la propria seconda autovettura in un

posto auto o in una porzione di esso, viola le disposizioni dell’art. 1102 c.c.

Al fine di marginare le condotte lesive dei diritti dei condomini da parte di altri condomini, si ricorre all’art. 70 delle disposizioni attuative al c.c. Esso prevede che l’assemblea possa irrogare sanzioni per la violazione regolamentare, con importi anche piuttosto elevati!

Possiamo quindi asserire che l’assemblea possa, in presenza di chiare e macroscopiche violazioni del regolamento, comminare sanzioni pecuniarie. Anche al di fuori dei casi di violazione dell’art. 1102 c.c., nei quali casi si può arrivare alle sedi giudiziarie.

Le dovute eccezioni: il parcheggio temporaneo nel cortile da parte del condomino che abbia il proprio garage

Abbiamo detto che il regolamento può vietare l’occupazione degli spazi comuni, lesivo del diritto di godimento da parte di tutti i condomini.

Non si deve, tuttavia, arrivare ad eccessi totalitaristi. Come quello, ad esempio, di vietare il parcheggio in spazi comuni per lassi di tempo molto brevi, come potrebbe essere la pausa pranzo. L’importante è che tale sosta non alteri la fruibilità né la normale destinazione dell’area. (Corte di Cassazione n. 18622/2017).

Approfondimento

Attenzione al condomino furbetto che si appropria di parte del terrazzo condominiale perché dopo 20 anni ne diviene proprietario per usucapione

Consigliati per te