Cosa si nasconde dietro la guerra del riso

Stanno sorgendo molti dubbi intorno al riso. Secondo Coldiretti i grandi produttori stanno in modo certosino mettendo da parte molte scorte in modo da sconvolgere il mercato e l’andamento dei prezzi. Ecco cosa si nasconde dietro la guerra del riso. Nel Vietnam le esportazioni sono state ridotte, in Bangladesh addirittura bloccate, in India è in corso il lockdown e infine in Thailandia i prezzi hanno avuto un rally impressionante.

Cosa si prevede

Tutto dipende da quanto tempo durerà la pandemia del coronavirus. L’International Rice Research Institute (IRRI) prevede che il riso potrebbe costare nel medio e lungo termine anche il 50% in più se i paesi esportatori non riprendono a funzionare come sempre. Cosa si nasconde dietro la guerra del riso.

Nella giornata della Terra

Oggi ricorre la Giornata della Terra, sono 50 anni che si festeggia questo evento, anche se per colpa del coronavirus sottotono. Bisogna adeguarsi ai tempi,  i consumatori sotto l’effetto coronavirus stanno cambiando le proprie abitudini a partire da quelle alimentari. A livello internazionale intorno al cibo si stanno creando varie tensioni. L’aumento del riso è solo la punta dell’ iceberg.

Cosa si sta muovendo intorno alle produzioni agricole

In questo momento le produzioni agricole sono diventate preziose rispetto al petrolio che è crollato. Si è ribaltato tutto: il valore della terra viene espresso dai frutti che se ne ricavano e non dai giacimenti di idrocarburi del sottosuolo. La centralità economica è ad appannaggio dei primi e vengono considerati come dei beni da proteggere. Si potrebbe dire la vendetta della natura.

La fortuna dell’Italia

Nonostante tutto in Italia l’agricoltura è ancora tra i settori trainanti dell’economia. Basta ricordare le aziende che producono grano duro per la pasta al riso, il vino, ortofrutta ma anche salumi e formaggi. Attorno all’enogastronomia si muove un giro di affari di 538 miliardi con ricadute occupazionali di 3,6 milioni.

Cosa fare

Per non disperdere questo patrimonio è necessario secondo Coldiretti di intervenire con un piano Marshall per l’agroalimentare: immettere liquidità.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te