Cosa riserverà il nuovo piano strategico a 10 anni di ENEL? Intanto la tendenza del titolo è al ribasso

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Cosa riserverà il nuovo piano strategico a 10 anni di ENEL? A questa domanda ha risposto l’AD Francesco Starace durante un recente evento pubblico. L’intervento si può riassumere come segue

Vediamo un’espansione delle rinnovabili che non ha limiti nei prossimi anni, limitata soltanto dalla nostra capacità di sostenerla senza fare errori”, ha detto Starace sottolineando che “questa è stato fin dal primo giorno la nostra tensione principale e i risultati che abbiamo ottenuto ci stano dando ragione, ci vedrete accelerare nei prossimi dieci anni

La società, quindi, si sta muovendo in modo da restare competitiva anche per le sfide future che avranno al primo postola necessità di essere eco-sostenibili.

Tornando al presente, sia dalle raccomandazioni degli analisti che dal confronto con il fair value, risulta che ENEL è sottovalutata del 15% circa. Come spesso viene ripetuto, uno dei punti di forza del titolo è il rendimento del suo dividendo che ormai si mantiene stabilmente sopra il 4%.

Cosa riserverà il nuovo piano strategico a 10 anni di ENEL? Qualche indicazione può arrivare dall’analisi grafica sul lungo periodo

ENEL  (MIL:ENE)  ha chiuso la seduta del 8 ottobre a quota 7,547 euro in ribasso dello 0,65%% rispetto alla chiusura precedente.

Time frame giornaliero

La chiusura dell’8 ottobre potrebbe essere molto negativa per il breve termine. Come si vede dal grafico, infatti, è stato rotto in chiusura di giornata l’importantissimo supporto in area 7,566 euro. Se non recuperato immediatamente, questo break ribassista potrebbe spingere le quotazioni verso i minimi di settembre,

Qualora, invece, avessimo un recupero immediato le quotazioni potrebbero ripartire verso gli obiettivi indicati in figura.

enel

ENEL: proiezione rialzista in corso sul time frame giornaliero. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello inferiore mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi.

Time frame settimanale

La tendenza in corso è ribassista, anche se da sei settimane ormai le quotazioni sono bloccate in area 7,45 euro. A questo punto solo il recupero in chiusura di settimana di area 7,73 euro oppure la rottura, sempre in chiusura di settimana, di area 7,235 euro, darebbero direzionalità alle quotazioni.

ENEL

ENEL: proiezione ribassista in corso sul time frame settimanale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello inferiore mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi.

Time frame mensile

Nel lungo periodo le potenzialità sono molto importanti, vedasi obiettivi indicati in figura. Tuttavia si potrebbe configurare anche un doppio massimo la cui concretizzazione porterebbe le quotazioni verso i minimi di marzo.

I livelli da monitorare per capire verso quale scenario ci si muove sono area 7,83 euro e 6,76 euro. Chiusure mensili che rompono i livelli indicati potrebbero dare forte direzionalità alle quotazioni.

Al rialzo gli obiettivi sono quelli indicati in figura. Al ribasso, invece, dovremmo andare a calcolarli a inversione avvenutal

ENEL

ENEL: proiezione rialzista in corso sul time frame mensile. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello inferiore mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi.

Approfondimento

Focus su un titolo azionario che ha un potenziale rialzista del 160% nel lungo periodo

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te