Cosa non sappiamo dell’oro alimentare

“Non è tutto oro quello che luccica”. Lo è però quello usato per guarnire alcune creazioni pasticcere di assoluto prestigio. Oltre che bello da vedere, questo ingrediente è anche commestibile, al punto che si chiama pure oro commestibile. Così quando vediamo quelle torte principesche decorate con questo metallo prezioso, non preoccupiamoci più del dovuto. Certo, non è un ingrediente di tutti i giorni né alla portata di tutti. La curiosità di consumare una pietanza con l’oro, tuttavia, ha spinto molti avventori dei giorni nostri a provarlo almeno una volta.

Cosa non sappiamo dell’oro alimentare

La regolarità dell’uso di tale elemento in cucina è stata sancita da una direttiva europea del Parlamento e del Consiglio del 1994. In questo atto l’oro risulta registrato come colorante alimentare E-175. A differenza di quanto si possa credere, l’oro non è usato solo negli ultimi anni per realizzare piatti stellati. Il suo impiego risale alle antiche civiltà. Più tardi poi, si utilizzò molto anche nelle famiglie aristocratiche per impreziosire i banchetti lungo tutto il medioevo.

Negli ultimi decenni questo prezioso in cucina è stato rilanciato dal Maestro Gualtiero Marchesi. Una delle sue invenzioni culinarie più rinomate in tutto il mondo infatti è senza dubbio il risotto oro e zafferano. Ancora oggi lo si può degustare nel suo ristorante di Milano.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Una sorpresa per gli occhi, ma per il palato?

Se la vista di una foglia d’oro lascia sorpresi i nostri occhi, il discorso cambia per quanto riguarda le papille gustative. Ecco cosa non sappiamo dell’oro alimentare. Questo, seppur costoso, non ha un gusto degno di nota. O meglio, non ha un gusto in generale. L’elemento da 24 carati non conferisce alcun sapore ai piatti che decora. Quindi è bene pensarci attentamente prima di scegliere una pietanza dal menù che in verità potrebbe lasciarci delusi a fine pasto. Le nostre tasche ci ringrazieranno per questo. Se si vuole invece optare per qualcosa di originale e semplice in cucina, invitiamo i nostri lettori a prendere visione dell’articolo riportato nell’approfondimento.

Approfondimento

Ecco la ricetta dell’onigiri, molto amata da Goku e Doraemon

Consigliati per te