Cosa fare quando il vino sa di tappo

Tra i più temuti difetti olfattivi che interessano il vino c’è senza dubbio l’antipatico sentore di tappo.

Ebbene, il sentore di tappo è dovuto ad una sostanza, la TCA (tricloroanisolo), che si forma quando il sughero è aggredito da un fungo. Questo fungo si chiama “armillaria mellea” (il comunissimo Fungo Chiodino), responsabile della malattia del sughero che danneggia il vino.

Il vino prende un odore acre, più o meno forte, che assomiglia a quello del cartone bagnato, ma anche alla terra umida e alla muffa. Da un lato, deriva dai funghi che si trovano nei sugheri di scarsa qualità e, dall’altro, vi sono problematiche legate alla cattiva qualità del tappo. Infatti spesso i tappi di sughero sono difettosi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

È una tendenza in aumento che colpisce indifferentemente sia vini giovani che quelli invecchiati. E sia i vini bianchi che i vini rossi.

Quindi, cosa fare quando il vino sa di tappo?

Cosa fare quando il vino sa di tappo

Anziché gettarlo, il vino si può utilizzare per disinfettare frutta e verdura in aggiunta all’acqua. Grazie all’alcool contenuto può eliminare molti tipi di batteri.

Nel caso di vino bianco, può essere utile per pulire il piano cucina oppure per smacchiare i tessuti. In particolare, il vino bianco aiuta ad eliminare le macchie del rosso.

Sempre il vino bianco può diventare un tonico per il viso, da picchiettare sulla pelle: un cosmetico del tutto naturale al servizio delle donne.

Ricordiamoci di sciacquare la faccia, prima di uscire, per eliminare l’odore.

Il vino rosso, poi, è un ottimo fertilizzante che può essere usato per innaffiare piante e fiori. Li renderà forti e rigogliosi.

Cosa non fare

Innanzitutto non bisogna bere la bottiglia.

Molti sostengono che il vino che sa di tappo si possa usare tranquillamente per cucinare: l’odore svanirebbe, infatti, con il calore.

Non è del tutto vero: il sentore scompare dopo una lunga cottura. Ed è difficile essere sicuri che il piatto non riporti alcuna traccia di “tappo”.

In caso succedesse, sappiamo cosa fare quando il vino sa di tappo, prepariamoci una bottiglia di emergenza!

Consigliati per te