Cosa ci può insegnare la storia del più grande fondo di investimento in tecnologia del mondo? 

Cosa ci può insegnare la storia del più grande fondo di investimento in tecnologia del mondo? Immaginatevi un sacco di denaro dal medio oriente. La dimensione del budget americano per il trasporto pubblico e l’istruzione messi insieme. E tutto quel denaro è affidato a un uomo d’affari giapponese che parla costantemente di iniziare una sorta di rivoluzione. Questo è fondamentalmente il Vision Fund in poche parole. Un fondo da cento miliardi di dollari che investisse nello spazio tecnologico.

Come il Vision Fund di SoftBank ha perso la sua visione

Masayoshi Son è un imprenditore giapponese di grande capacità. È disposto a correre dei rischi, molti rischi. Lo ha fatto anche nella prima bolla delle dot-com e nel primo fallimento intorno al 2000. Ha fatto una grossa scommessa su Alibaba, e quasi tutto quello che aveva è stato spazzato via, tranne Alibaba. SoftBank è ora una delle più grandi aziende del mondo. È una conglomerata. Hanno molti interessi nei telefoni cellulari. E hanno fondato questo fondo d’investimento, il Vision Fund, qualche anno fa.

Con l’arrivo del Vision Fund, il gruppo SoftBank è stato drasticamente rimodellato. È stato rimodellato come una holding con l’investimento come core business. Ora, per quanto riguarda la visione di Son, pensiamo che abbia un’acuta percezione di queste ondate di cambiamento tecnologico. E vuole che SoftBank sia l’azienda che non solo sopravvive a questo tipo di cataclismi. Ma che emerga come protagonista e investitore chiave nelle aziende che andranno a dirigere il mondo. Il fatto è che il Vision Fund di SoftBank è più grande e più audace di quanto si sia mai visto prima. SoftBank stessa è un grande investitore, ma il suo più grande investitore è di gran lunga il Fondo di Investimento Pubblico dell’Arabia Saudita.

Cosa ci può insegnare la storia del più grande fondo di investimento in tecnologia del mondo?

La parte stupefacente della storia del Vision Fund è stata la rapidità con cui tutto è stato messo insieme. Dal primo discorso dell’idea alla raccolta dei soldi per il fondo fino alla loro spesa, sono passati solo un paio d’anni. Attualmente, nel Vision Fund ci sono 88 società in portafoglio. Più di 10 miliardi di dollari sono stati investiti in Didi, un’app cinese di trasporti come Uber. Uber ha preso circa 7,7 miliardi di dollari. Circa 4 miliardi di dollari sono andati a WeWork. Altri tre sono stati investiti in Grab, un’azienda del sud-est asiatico che si occupa di trasporti anch’essa.

Il Vision Fund ha avuto parecchi successi. Sono stati un grande investitore in Flipkart, l’Amazon indiano, che hanno venduto a Walmart. Hanno avuto alcune società che si sono quotate. Purtroppo, ci sono alcuni investimenti di alto profilo che hanno appena perso tonnellate di denaro. WeWork ne è l’esempio lampante. Quando l’IPO di WeWork è esplosa in modo spettacolare, SoftBank ha dovuto essenzialmente intervenire e comprare la società. Hanno escogitato un pacchetto di salvataggio da 9,5 miliardi e mezzo di dollari. E ora possiedono circa l’80% della startup. Il che rende essenzialmente loro il problema di renderla redditizia.

Il difetto fondamentale del fondo

È la crescita a tutti i costi che si ottiene con i soldi del fondo. Crescita ossessiva che potrebbe prendere una buona azienda e una buona idea commerciale, e rovinarla. Nonostante alcune perdite importanti e di alto profilo, il Vision Fund in realtà sembra andare bene. Ma poi è arrivato il 2020. E il coronavirus.

Il Vision Fund è in molte aziende che sono state colpite duramente da questa pandemia. Uber e Oyo sono due di queste. Hanno dovuto licenziare molte persone. La Covid-19 sarà sicuramente un colpo mortale per molte aziende del portafoglio del Vision Fund. Son stesso ha detto che circa 15 di loro andranno in fallimento. Ma Son ha ancora fiducia nelle società più grandi del fondo.

Alcune delle pratiche di investimento del Vision Fund lo hanno reso particolarmente vulnerabile alla pandemia. In parte, la loro forte esposizione alle società come Uber. Hanno investito in tutte le principali concorrenti. E questo è di gran lunga il loro segmento più grande. Il fatto che le loro società siano orientate a una crescita elevata e non necessariamente alla redditività non è una buona cosa. Infatti, il gruppo SoftBank afferma che il suo fondo Vision Fund ha perso 17,7 miliardi di dollari nell’ultimo anno fiscale.

La lezione del Vision Fund

Pensiamo che la lezione del Vision Fund sia che il denaro non può davvero comprare il successo. Che tutti quei soldi in realtà stavano danneggiando i fondatori e le aziende in cui stava investendo, più che aiutare. All’inizio, sembra che avere tutto quel denaro abbia permesso loro di battere altre aziende. Di sopravvivere più a lungo. Ma il problema è che assumevano molto. Non avevano una disciplina fiscale. E così, alla fine, tutto quello che facevano era creare bolle sempre più grandi che scoppiavano e crollavano su scala molto più grande.

Non è affatto chiaro se Son abbia imparato la lezione del tipo di ipercrescita che il Vision Fund ha promosso. Forse è questo il suo punto di forza. Niente lo ferma. È così determinato. È così testardo. Ha un’incredibile fiducia in se stesso. Questo è davvero il suo più grande dono. Ma, a un certo punto, probabilmente potrebbe scontrarsi con la realtà.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te