Cosa c’è di vero nelle credenze popolari sul sesso del nascituro

Uno dei più grandi interrogativi che ogni donna in gravidanza si pone è il sesso del bambino in arrivo. Sarà un maschietto o una femminuccia?

Alcuni scelgono di non scoprire la risposta fino alla nascita del bebè. Ma la maggior parte dei genitori non riesce a resistere così a lungo e preferisce scoprire il prima possibile se appenderanno alla porta un fiocco azzurro o un fiocco rosa.

Conoscere il sesso del nascituro non è solo utile per arredare la cameretta. Ciò aiuta anche i futuri genitori a prepararsi al meglio a dare il benvenuto a un nuovo membro della famiglia.

Dalla scelta del nome allo shopping per i vestitini del neonato (ecco come risparmiare con i pannolini lavabili), conoscere il sesso del nascituro è un’informazione molto utile per tutti i novelli genitori.

Non c’è da stupirsi, dunque, che siano nate moltissime leggende e tecniche, più o meno scientifiche, per cercare di indovinare il sesso del bambino.

Ma cosa c’è di vero nelle credenze popolari sul sesso del nascituro?

Credenze popolari, dalla forma del pancione alle voglie

La saggezza popolare sostiene che esistano metodi infallibili per scoprire se è in arrivo un maschietto o una femminuccia. Uno dei metodi più gettonati consiste nell’osservare la forma del pancione: se è rotondo, sarà maschio, se è appuntito, sarà femmina.

Anche le voglie della mamma sarebbero indizio sicuro del sesso del futuro bebè. Se la mamma non riesce a resistere ai dolci, vuol dire che aspetta una femmina, se invece preferisce il salato il bebè sarà di sicuro un maschietto.

C’è chi, addirittura, sostiene di poter divinare la risposta lanciando una moneta: testa per un bambino e croce per una bambina.

Funzionano davvero?

Ma che cosa c’è di vero nelle credenze popolari sul sesso del nascituro?

Come potete ben immaginare, tutte queste tecniche amatoriali sono state sonoramente smentite dalla medicina moderna. Come ogni mamma ben sa, purtroppo bisogna attendere almeno fino al secondo trimestre di gravidanza per poter scoprire se presto daremo il benvenuto a un maschietto o una femminuccia.

Di solito, avremo la risposta non prima della 15esima o 16esima settimana di gravidanza, quando soltanto un’ecografia ci saprà svelare il segreto così gelosamente custodito nel pancione.

Consigliati per te