In diretta streaming da Investing Roma

Controlli fiscali sul superbonus: contribuenti sulla graticola per otto anni

Il superbonus 110% è una misura mai vista prima. L’Agenzia delle Entrate sta mettendo a punto l’intera infrastruttura per evitare eventuali storture. Controlli fiscali sul superbonus: contribuenti sulla graticola per otto anni. L’Agenzia delle Entrate per fare i controlli se la prende con comodo. Gli uffici dell’amministrazione finanziaria hanno molto tempo per verificare le pratiche del superbonus.

Cosa controlla l’Agenzia delle Entrate

Il Fisco pone la lente di ingrandimento sulle opzioni per la cessione e lo sconto in fattura. In questo caso il fornitore che ha applicato lo sconto o i cessionari che hanno acquistato il credito d’imposta possono correre anche loro dei seri rischi. L’Agenzia delle Entrate fra controlli di natura prettamente documentale. L’indagine non si ferma solo ai controlli fiscali ma in caso di situazioni sospette, l’Agenzia delle Entrate ha l’obbligo di inoltrare gli atti alle Procure. Queste ultime hanno il compito di indagare sull’eventuale delitto di indebita compensazione di crediti non spettanti o inesistenti. Non si scherza dunque con il superbonus. Il Fisco si prende otto anni per fare le verifiche in modo invasive e penetranti per scovare il furbetto di turno.

Scoperto il furbo di turno, cosa succede?

Chi tenta di raggirare la legge con artifizi rischia grosso. L’Agenzia delle Entrate una volta controllata la posizione e rilevata la mancata sussistenza anche parziale dei requisiti deve procedere al recupero dell’importo corrispondente. I beneficiari devono pagare la somma portata in detrazione maggiorata di interessi e sanzioni. Un vero e proprio salasso.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

I controlli sulle detrazioni

Il Fisco ha paura più su eventuali manovre torbide messe in atto su cessione e sconto in fattura. In questo caso in presenza di concorso nella violazione, il fornitore o cessionario compiacente partecipa in modo solidale. La misura sanzionatoria va dal 100% al 200% dei crediti inesistenti utilizzati. I controlli fiscali nel caso delle detrazioni del 110% da parte del beneficiario seguiranno l’iter classico. Ebbene dunque pensarci bene prima di commettere forzature. Controlli fiscali sul superbonus: contribuenti sulla graticola per otto anni.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te