Contro glicemia alta e diabete non basterebbe tenere d’occhio l’indice glicemico ma anche quest’altro parametro fondamentale

Quando si parla di alimentazione e diabete ci sono tante opinioni in ballo, anche contrastanti tra loro. Molti credono che chi soffre di diabete e glicemia alta debba tenersi alla larga dagli alimenti ricchi di carboidrati. È chiaro che per un diabetico o un iperglicemico sia sconsigliato esagerare con i dolci. Secondo molti, però, sarebbe meglio rinunciare anche a cibi apparentemente salutari come la frutta, quando è eccessivamente zuccherina. Ma la verità è più complessa e sfumata di così.

Il motivo per cui spesso i diabetici temono la frutta è l’indice glicemico. Ma c’è un fattore altrettanto importante da tenere in conto, che spesso viene sottovalutato. Grazie a questo parametro diabetici e iperglicemici possono scegliere più consapevolmente il cibo. Inoltre, possono reinserire nella loro dieta quegli alimenti a cui non si dovrebbe rinunciare del tutto.

Contro glicemia alta e diabete non basterebbe tenere d’occhio l’indice glicemico ma anche quest’altro parametro fondamentale

Chi soffre di diabete e glicemia alta ha un parametro fondamentale da seguire nella scelta del cibo: deve rinunciare ai prodotti molto zuccherini. Per questo, spesso, si sconsiglia a questi soggetti il consumo di frutta, a meno che non abbia indice glicemico basso e pochi carboidrati. Ma la verità è che non è corretto dare divieti assoluti. Certamente molti frutti hanno un livello di carboidrati e un indice glicemico piuttosto elevati per chi soffre di diabete e glicemia alta. Questo però non giustifica un allontanamento assoluto da questi frutti. Infatti, basterebbe scegliere la giusta quantità da mangiare in base al carico glicemico. Questo parametro, che spesso non viene considerato nella valutazione dei cibi, è invece essenziale. In poche parole, sta ad indicare il numero complessivo di carboidrati ingeriti con una porzione di cibo.

Dunque, contro glicemia alta e diabete non basterebbe tenere d’occhio l’indice glicemico ma anche quest’altro parametro fondamentale. Selezionando un carico glicemico opportuno per la dieta di un diabetico o un iperglicemico possiamo inserire nuovamente alcuni alimenti, altrimenti vietati, nella sua dieta. Tra questi, per esempio, la frutta molto zuccherina, che potrà non essere più un tabù assoluto.

Come inserire anche la frutta zuccherina nella dieta di un diabetico o un iperglicemico

Selezionando un carico glicemico inferiore o uguale ai 15 grammi di carboidrati, anche un diabetico può concedersi il suo assaggio di frutta zuccherina. Chiaro è che, per un frutto dall’indice glicemico alto, la porzione sarà inferiore. Al contempo, per un frutto dall’indice glicemico basso, la porzione sarà più abbondante.

I frutti migliori per chi soffre di diabete e glicemia alta sono pere, mele, arance, albicocche, nespole, pesche ma anche fragole e lamponi. I frutti a cui devono stare più attenti sono l’uva, i cachi, i fichi, le banane e la frutta secca, oltre ovviamente ai canditi.

Approfondimento

Contro glicemia alta e diabete non serve eliminare gli zuccheri ma mangiarli insieme a questi alimenti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te