Contro demenza, malattie cardiache e cancro possono esserci d’aiuto 5 funghi al giorno

Ebbene, chi lo avrebbe mai pensato che alla base di un corretto ed equilibrato regime alimentare ci potessero essere i funghi come protagonisti. Soprattutto, difficilmente avremmo pensato che da essi potesse dipendere la prevenzione di una malattia così tremenda come l’Alzheimer.

La prevenzione, inoltre, riguarda anche altre malattie neurodegenerative, nonché disturbi cardiovascolari e addirittura tumori. Nella gran varietà di funghi esistenti in natura, quelli porcini presentano una maggiore quantità di antiossidanti.

Inoltre, i funghi, in generale, hanno il vantaggio di non perdere le loro proprietà con la cottura. In particolare, essi posseggono due potenti antiossidanti capaci di rallentare l’invecchiamento cellulare, incluso quello delle arterie e dei neuroni. Si tratta di glutatione ed ergotioneina, che sono in assoluto i più potenti antiossidanti.

Quindi contro demenza, malattie cardiache e cancro possono esserci d’aiuto 5 funghi al giorno! Naturalmente, per questi intendiamo i porcini, preferibili perchè più efficaci.

Come si è scoperta questa capacità dei funghi

La convinzione che i funghi siano un toccasana contro le indicate patologie, deriva da una ricerca scientifica. In particolare, si tratta di uno studio condotto presso l’Università della Pennsylvania.

Qui i ricercatori sono giunti alla conclusione della grande importanza dei cibi antiossidanti, come i funghi, partendo da un’osservazione. E cioè che il nostro corpo, per produrre energia, utilizza cibo ma, nel farlo, rilascia anche radicali liberi. Questi ultimi, provocano lo stress ossidativo che è una delle concause delle gravi malattie citate, che peraltro colpiscono milioni di persone.

Essi, infatti, si accumulano, causando danni associati a molte delle patologie dell’età dell’invecchiamento, come appunto cancro, malattie cardiovascolari e Alzheimer. A fronte di ciò gli antiossidanti offrono un essenziale effetto protettivo.

Contro demenza, malattie cardiache e cancro possono esserci d’aiuto 5 funghi al giorno

Ebbene, in conclusione, secondo i ricercatori, 5 funghi al giorno possono fare la differenza nel prevenire l’insorgenza delle indicate patologie. A conferma di ciò si è rilevato che in Paesi come Italia e Francia, dove il consumo è notevolissimo, si è registrata una minore incidenza di malattie neurodegenerative.

La dose di antiossidante giornaliera consigliata è di tre milligrammi, che è pari più o meno a 5 funghi.

Approfondimento

L’omega 3 salva cuore e cervello ed è contenuto in questi cibi insospettabili!

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te