Consuma poca elettricità e pulisce in profondità, ecco la lavatrice a cui nessuno pensa

Da quando la bolletta di luce e gas è schizzata alle stelle, siamo tutti super attenti. Non accendiamo più luci superflue, stacchiamo i caricatori dalle prese, prestiamo più attenzione alle lavatrici che facciamo e tanto altro ancora. Insomma l’aumento della bolletta è stato ed è una vera mazzata, che ovviamente porterà e ha già portato ad un aumento significativo di tante altre cose.

Una cosa fondamentale, da fare sicuramente, è quella di munirsi di elettrodomestici che siano di ultima generazione. In questo modo, apparterranno alle ultime classi di consumo energetico. Quindi, se dobbiamo comprare un nuovo elettrodomestico, facciamo molta, ma molta attenzione alla classe di appartenenza.

Soffermiamoci, però, anche su quelle che sono le nuove tecnologie. La tecnologia ha fatto immensi passi in avanti e così sul mercato sono stati introdotti nuovissimi prodotti super efficienti, che hanno consumi bassi.

Consuma poca elettricità e pulisce in profondità, ecco la lavatrice a cui nessuno pensa

Dunque, stiamo parlando della lavatrice a vapore. Questa tipologia di modello è spesso ignorata quando si parla di acquistare un nuovo elettrodomestico, e invece dovrebbe essere presa più in considerazione.

Ma facciamo una precisazione. Infatti, all’interno di alcune lavatrici nuove esiste il programma “refresh”. Questo è con il vapore e serve a rinfrescare dei capi che in realtà sono già puliti, ma hanno solo bisogno di una rinfrescata perché non sono sporchi. Mentre la lavatrice a vapore è realizzata con interi programmi di lavaggio, che si basano sul vapore.

L’emissione del vapore

Il concetto di base è molto semplice. All’interno del cestello è presente un tubo collegato con un generatore, che eroga acqua vaporizzata in piccole quantità a temperature e pressione controllata.

In che modo pulisce i capi? Il sistema è semplice, ovvero il detersivo viene nebulizzato e si andrà a disperdere nel vapore e sotto forma di particelle entra nelle fibre del tessuto e rimuove le macchie.

La lavatrice a vapore, inoltre, consuma meno. Questo perché vengono riscaldate quantità di acqua limitate per creare il vapore. E non sono richieste temperature eccessive, perché il vapore si crea già a 30 gradi.

Ma il beneficio continua perché il lavaggio è molto più delicato e tende a rovinare meno i capi che si stanno lavando. Lascerà invece i capi morbidi e, dato che stiamo usando il vapore, saranno anche più distesi. Nel senso che le pieghe saranno meno e la stiratura sarà più facile. Consuma poca elettricità e pulisce in profondità, ecco l’elettrodomestico che limiterà l’uso anche del ferro da stiro. Dunque si tratta di una lavatrice da non sottovalutare.

Lettura consigliata

Quando puliamo casa spesso facciamo questi errori con i detersivi che non andrebbero mai fatti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te