Consigli pratici per pulire la pietra refrattaria senza romperla

Ciò che rende una pizza davvero perfetta, oltre alla farina e ai vari condimenti, è anche il modo in cui viene cucinata.

L’anno scorso, a causa dell’epidemia da Covid, tantissime persone si sono improvvisate chef, pasticceri e pizzaioli perché si sa, l’Italia è una Repubblica fondata sul lavoro e sull’irrinunciabile pizza.

Ora basta divagazioni e passiamo ai consigli pratici per pulire la pietra refrattaria senza romperla.

Attenzione agli sbalzi di temperatura

Per prima cosa sono necessari alcuni accorgimenti. La pietra refrattaria è molto delicata e si dovrà maneggiare con cura. Il minimo sbalzo di temperatura potrebbe causarne la rottura. Quindi, al termine del suo utilizzo, si dovrà lasciare raffreddare naturalmente, senza l’utilizzo di acqua. Il contatto con l’acqua fredda ne causerebbe la frattura. Attenzione, anche metterla ancora fredda in un forno caldo ne causerebbe la rottura!

É vietato anche l’ammollo: i materiali refrattari da cui è composta la pietra sono porosi e questo vuol dire che assorbirebbero l’acqua. Va da sé che si sconsiglia anche di metterla in lavastoviglie.

Non passare sulla superficie né saponi né oli vari

Altra cosa da tenere a mente è quella di non passare sulla superficie né saponi né oli vari perché la pietra, che come è stato detto è porosa, assorbirebbe i liquidi, rovinandosi.

Dopo le dovute avvertenze, passiamo ai consigli pratici per pulire la pietra refrattaria senza romperla.

Consigli pratici per pulire la pietra refrattaria senza romperla

La prima cosa da dire per rasserenare le coscienze è che la pietra refrattaria rimarrà sporca anche dopo averla pulita, e questo è normale. Non tornerà mai al suo stadio originale come quando è stata comprata, ma una pulizia minima va comunque fatta.

La pietra refrattaria, come si è già detto, è molto delicata.

Per pulirla saranno sufficienti una spatola non contundente, un pennello in setole e un panno umido. Dopo la cottura, quando la pietra si sarà completamente raffreddata, si dovrà utilizzare una spatola non contundente per cercare di staccare le incrostazioni di cibo che si sono attaccate sulla superficie durante la cottura.

Attenzione: con la spatola non bisogna grattare, altrimenti si rischierà di graffiare e quindi rovinare la superficie.

Al termine di questo passaggio, con un pennello dalle setole morbide, si potranno togliere tutti i residui saltati via grazie all’utilizzo della spatola, aiutandosi con un tovagliolo o un piatto per la raccolta delle briciole/granelli di polvere.

Per l’ultima fase è sufficiente utilizzare un panno morbido e umido a cui si attaccheranno gli ultimi residui di cibo rimasti.

La pietra ora è pulita, nonostante le macchie normali che saranno ancora presenti sulla superficie.

Inoltre le alte temperature raggiunte dal forno sterilizzeranno la pietra, per una pulizia ancora più completa.

Consigliati per te