Consigli e tre esercizi per avere schiena dritta e postura corretta senza più dolori

Avere problemi di postura è molto comune. Moltissime persone fanno un lavoro sedentario, magari al computer. Per questo assumere posizioni sbagliate e non stare dritti capita spesso.

Ciò però non comporta solo problemi di postura. In genere i muscoli si irrigidiscono e sopraggiungono dolori, anche molto forti. Quando si avvertono le conseguenze di un lavoro alla scrivania, della mancanza di moto e del corpo che cede, è bene prendere provvedimenti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

La Redazione di ProiezionidiBorsa propone consigli e tre esercizi per avere schiena dritta e postura corretta senza più dolori. Con qualche accorgimento si migliorerà la postura e si allenteranno i dolori muscolari.

Muoversi ogni giorno

La prima causa in assoluto di mal di schiena e di una postura errata è la mancanza di movimento. Una schiena priva di muscolatura tenderà a cedere. Meno allenati sono i muscoli e più diventeranno di marmo. Per scioglierli e consentire l’allungamento si possono fare alcuni esercizi quotidiani molto semplici.

Da in piedi ci si allunga verso l’alto fino alle punte. Con un’inspirazione si scende fino a cercare di toccare le punte dei piedi. Espirando si cerca di tendersi con braccia, collo e schiena verso il terreno. Ripetiamo l’esercizio 3 volte.

Un altro elemento importante è l’alimentazione. Una cattiva dieta, composta principalmente da prodotti proteici e derivati del grano, è causa di rigidità. I muscoli, composti da tessuti connettivi, si atrofizzano e diventano più pesanti. Il valore di riferimento è il PRAL, cioè carico potenziale acido dei cibi. Non rinunciamo mai a una buona quantità giornaliera di vegetali e una piccola porzione di legumi e frutta secca. Questi agiranno per il bene del metabolismo e del corpo.

Consigli e tre esercizi per avere schiena dritta e postura corretta senza più dolori

Il secondo esercizio su cui lavorare combina il corpo con la respirazione. La respirazione diaframmatica si pone l’obiettivo di sbloccare i muscoli toracici e rilassare. Si fa da seduti o sdraiati ponendo un peso nella zona dell’addome basso.

Si procede inspirando dalla bocca o dal naso. La respirazione deve essere tranquilla, lenta e profonda. Bisogna sentire la pancia che si gonfia e i polmoni che si riempiono completamente. Il torace è poco coinvolto in questo tipo di respirazione. L’espirazione va anch’essa fatta lentamente e deve essere fatta durare allungo.

Per il terzo esercizio la posizione di partenza prevedere di stare seduti a terra. La schiena deve essere rivolta contro la parete. Il sedere deve essere attaccato alla parete e le gambe dritte davanti al corpo. Fare 10 respirazioni diaframmatiche e provare a restare nella posizione. Se i muscoli tirano troppo, avanzare di qualche centimetro con il sedere. Provare a restare nella posizione e respirare.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te