Con Legge 104 si può ottenere l’accompagnamento di 522 euro al mese, l’errore da evitare per non perdere i soldi 

Le persone che hanno ottenuto dall’INPS  un’invalidità certificata possono ottenere molteplici agevolazioni, sia in campo fiscale, lavorativo e assistenziale. Inoltre, se il soggetto si trova in condizioni di salute che impediscono le azioni quotidiane della vita, può fare richiesta dell’indennità di accompagnamento. Con Legge 104 si può ottenere l’accompagnamento di 522 euro al mese, l’errore da evitare per non perdere i soldi è collegato al certificato medico introduttivo. Analizziamo di cosa si tratta.

Con Legge 104 si può ottenere l’accompagnamento di 522 euro al mese, l’errore da evitare per non perdere i soldi

Per inoltrare domanda di accompagnamento all’INPS, la prima cosa da fare è rivolgersi al medico di base e far compilare il certificato medico introduttivo. Il medico invierà il certificato direttamente all’INPS telematicamente, rilasciando al richiedente il numero di protocollo dell’invio effettuato. Successivamente il richiedente può inoltrare domanda di accompagnamento inserendo il numero di protocollo rilasciato dal medico. Ma l’errore più comune con cui si rischia il rigetto dell’istanza presentata è sul certificato introduttivo. Analizziamo perché.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Certificato introduttivo

Il certificato redatto dal medico di base deve contenere tutte le patologie che determinano la percentuale di handicap o di riduzione della capacità lavorativa.

L’indennità di accompagnamento è riconosciuta se il soggetto non è autosufficiente. Il certificato medico si compone di tre parti:

  • la prima parte “obiettività e anamnesi” che contiene i dati clinici del richiedente, e l’indicazione di tutte le patologie di cui è affetto;
  • la seconda parte “diagnosi” che contiene l’indicazione di tutte le patologie gravi, oncologiche di cui è affetto il richiedente;
  • la terza parte riguarda la spunta per la domanda che si deve presentare: disabilità ed handicap, invalidità civile, sordità e cecità.

Nel certificato medico introduttivo sono presenti due spunte importanti. In passato la mancanza di questa spunta ha determinato l’annullamento della pratica. Poi, la sentenza della Corte di Cassazione n. 14412/2019 ha chiarito che la mancanza della spunta non è determinante. Quindi, è possibile presentare ricorso in quanto l’errore è riferito solo al certificato e non alla domanda.

Domanda di accompagnamento e la spunta a cui fare attenzione

Le spunte a cui fare attenzione sono:

  • soggetto impossibilitato a deambulare senza l’assistenza di un accompagnatore;
  • soggetto impossibilitato a compiere atti di vita quotidiana senza assistenza.

Con Legge 104 si può ottenere l’accompagnamento di 522 euro al mese, l’errore da evitare per non perdere i soldi è questo sopra indicato. Bisogna sempre fare attenzione alla spunta del certificato, anche se la Corte di Cassazione è intervenuta a tutela dei cittadini. È sempre opportuno controllare il certificato prima dell’invio telematico.

Consigliati per te