Con la fatturazione elettronica meno tempo per gli accertamenti del fisco

Con la fatturazione elettronica diminuisce il tempo che il Fisco ha a disposizione per effettuare accertamenti sulle dichiarazioni della tua azienda. Ecco tutto quello che c’è da sapere e come aderire a questo beneficio.

Quali sono i termini ordinari di accertamento fiscale con la fatturazione elettronica

Normalmente il Fisco ha un certo lasso di tempo per fare accertamenti sulle dichiarazioni dei redditi e sui bilanci di aziende, professionisti e provati cittadini. Negli ultimi tempi questi limiti temporali sono stati modificati. Una volta, infatti, il Fisco poteva fare accertamenti fino al 31 dicembre del quarto anno successivo alla presentazione della dichiarazione.

Oggi, invece, gli anni sono diventati cinque. Ad esempio la dichiarazione del 2019 verrà inviata nel 2020 può essere controllata dal Fisco, ed eventualmente rettificata, fino al 31 dicembre 2025. Quindi c’è da attendere ben sei anni prima che il contribuente possa definitivamente tirare un sospiro di sollievo.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Quali sono i termini ridotti con la fatturazione elettronica

Un lasso di tempo davvero lungo, una sorta di spada di Damocle che pende sulla testa di aziende e contribuenti. Ricorrendo, invece, alla fatturazione elettronica è possibile ridurre l’attesa da cinque a tre anni. Ad esempio, la dichiarazione del 2019 verrà inviata nel 2020.

In assenza di fatturazione elettronica, il Fisco potrà effettuare i suoi controlli fino al 31 dicembre 2025 ma per tutte le aziende e i professionisti che ricorrono alla fatturazione elettronica il limite massimo di tempo è fissato a fine dicembre 2023: solo quattro anni di attesa, quindi, un piccolo passo in avanti rispetto ai sei canonici. Questa diminuzione dei tempi di accertamento, però, scatta solo in presenza di alcune condizioni specifiche.

Quali sono le condizioni per ridurre i termini di accertamento fiscale

Per avere la possibilità di questo “sconto” del periodo di accertamento come si è detto è necessario che si verifichino determinate condizioni. In particolare occorre incassare e pagare la fatture con strumenti di pagamento tracciabili, come assegni, carte di credito oppure bonifici.

Il segreto è quello di abituare i propri clienti, per tutte le fatture di importi superiori ai 500 euro, a non pagare in contanti e a fare lo stesso con le proprie fatture da saldare, allora si può ottenere questo beneficio che è esteso anche ai piccoli commercianti a dettaglio se decidono di inviare anche in modo telematico i corrispettivi e non solo le fatture. Vale la pena modificare le proprie abitudini, allora, in cambio di due anni di sonni più tranquilli durante i quali non si potranno più ricevere accertamenti fiscali.

Articolo di Franco Laureana – Contatti

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.