blank

Comprendere queste problematiche della pelle del cane significa essere padroni attenti

La comunicazione con il proprio animale domestico non avviene a parole, ma è il frutto di gesti e atteggiamenti che bisogna imparare a interpretare. Specie se il cane ha problemi che riguardano la salute della cute o del manto canino, dare un significato ai gesti diventa fondamentale. Comprendere queste problematiche della pelle del cane significa essere padroni attenti e la Redazione di ProiezionidiBorsa intende fornire un primo piccolo aiuto in questo.

L’intervento specializzato

Specie con riguardo alla salute del proprio animale domestico, bisogna evitare il più possibile il fai-da-te. Tuttavia, un padrone consapevole di quello che sta accadendo al proprio amico a quattro zampe, riesce a evitare di sottovalutare la gravità di un problema.

Oppure, al contrario, la consapevolezza e una buona conoscenza di base, servono a non gettare l’animo immediatamente nello sconforto. Questa intende essere una pratica mini-guida, illustrativa delle maggiori problematiche della cute e del manto canino.

I segnali da monitorare

Quali sono i comportamenti normali e quali quelli che devono destare la giusta attenzione? Comprendere queste problematiche della pelle del cane è per padroni attenti. In situazioni normali, il cane ha un manto morbido e lucente, né secco né oleoso, la perdita di peli non è troppo frequente e non presenta rossori. Si tratta della situazione più fausta.

Quando, invece, è possibile notare una perdita di pelo eccessiva, arrossamenti o lacerazioni visibili a occhio nudo, un manto troppo oleoso o troppo secco? Semplicemente questi sono i primi segnali di qualcosa che non va nella salute del proprio animale domestico. Indagare le cause è fondamentale per aiutare il veterinario a ricostruire la storia della problematica cutanea.

Le cause più frequenti

Se questi sono i sintomi, quali sono le problematiche collegate? Rush cutanei, pruriti, perdita di pelo o variazioni al tatto possono nascondere intolleranze alimentari, allergie, infestazioni di parassiti o infezioni di vario genere. L’alimentazione scorretta è fra le cause principali e, al riguardo, consigliamo la lettura di questo articolo per maggiori approfondimenti.

Un esempio è la dermatite atopica, spesso causa di allergie del proprio cane. Tra i più frequenti parassiti, invece, zecche, pulci o pidocchi, che provocano nel cane prurito e fastidio. I veterinari quotidianamente hanno a che fare con almeno 150 possibili cause di problemi della cute canina.

Come scongiurarlo

Una prevenzione è sempre la giusta arma per tutto. Consigliamo una spazzolatura frequente del manto canino, almeno settimanale. Anche lavaggio e igienizzazione del pelo dovrebbero essere costanti, almeno mensili durante la stagione invernale e più frequenti durante quella estiva.

In questo modo è più semplice notare la presenza di problematiche del manto e di eventuali parassiti. Consigliamo anche di prediligere detergenti specifici per il cane, ricchi di Vitamina E, di eucalipto o di olio di primula, che hanno tutti grandi poteri lenitivi.

Poi, esortiamo anche a un’alimentazione che contenga acidi grassi essenziali, proteine e verdure come spinaci o tarassaco. Comprendere queste problematiche della pelle del cane significa essere padroni attenti e con questi consigli sarà più semplice esserlo.

Consigliati per te