Commettiamo questo errore nocivo prima di dormire senza rendercene conto

Proprio così: ogni sera commettiamo questo errore nocivo prima di dormire senza rendercene conto. Abituati a guardare la TV, a chiacchierare con il nostro partner. O a compulsare senza tregua lo smartphone, non ci preoccupiamo di un accorgimento fondamentale.

Si tratta di un’azione tanto banale quanto necessaria per salvaguardare la nostra salute ed evitare conseguenze pericolose. Il corpo del delitto è uno strumento che abbiamo appena citato e che, ormai, è diventato quasi una protesi per la maggioranza di noi. Stiamo parlando dello smartphone.

Un piccolo gesto che può metterci al riparo da danni seri

Il più delle volte lasciamo attiva la connessione dati del telefono. Commettiamo questo errore nocivo prima di dormire senza rendercene conto. Inoltre, spesso e volentieri, ci capita di lasciare lo smartphone con la connessione attiva vicino al letto. Cosa ancora più grave.

Questo comportamento genera un’alta esposizione all’inquinamento elettromagnetico. Causa di questo problema sono i molti dispositivi elettronici che abbiamo in casa. Tra cui non manca il telefono cellulare. Il cellulare, infatti, è una sorgente per eccellenza di frequenze elettromagnetiche emesse nell’ambiente in cui si trova. Queste frequenze creano un campo elettromagnetico in cui il nostro corpo è esposto quando usiamo il telefono. Ogni telefono produce una quantità di energia che assorbiamo indicata tramite SAR. Ovvero il “tasso di assorbimento specifico” (Specific Absorption Rate).

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), in uno studio recente, ha escluso una piena correlazione tra l’esposizione notturna ai campi elettromagnetici e l’insorgenza di tumori. Tuttavia, l’Organizzazione si raccomanda di tenere delle best practises al riguardo.

Fare un uso smart dello smartphone

È un atto fondamentale per ridurre l’esposizione del corpo alle frequenze elettromagnetiche. Gli esperti del settore consigliano, tra l’altro, tre comportamenti che tuti dovremmo tenere quotidianamente per ottimizzare l’uso dello smartphone.

In primo luogo è essenziale scegliere un cellulare con un valore SAR il più basso possibile. In secondo luogo, per contribuire a ridurre l’inquinamento elettromagnetico, è necessario spegnere la connessione dati notturna. Infine, è molto importante tenere lo smartphone lontano dal proprio letto mentre si dorme, possibilmente in un altro ambiente della casa.

Questi gesti consentono una riduzione sensibile dell’esposizione alle frequenze elettromagnetiche.

ProiezionidiBorsa, da sempre attenta a una divulgazione di qualità, invita i suoi lettori a visitare il sito del Sistema Nazionale per la Protezione dell’Ambiente. Questa istituzione è impegnata, con altri enti, a promuovere le condotte per un uso corretto e intelligente dello smartphone. E ciò tramite la campagna “Stay smart”. Il sito offre, da anni, numerosi contenuti di cui dovremmo fare tesoro. Condividiamo questo articolo con amici e parenti. Così da far conoscere i consigli pratici diffusi grazie al prezioso lavoro di questa istituzione.

 

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te