Come viene visto dai dietisti il grasso delle uova riguardo il colesterolo

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Ecco come viene visto dai dietisti il grasso delle uova riguardo il colesterolo.

Il consumo di uova accende spesso gli animi. C’è infatti chi, in ragione del loro elevato apporto di proteine e aminoacidi essenziali, tende ad inserire le uova nella dieta. Chi invece, per timori vari, preferisce escludere in toto il consumo di uova dal proprio regime alimentare. Il tuorlo, infatti, è un concentrato elevato di colesterolo. Comunque le uova si lasciano spesso, seppur in numero ridotto, nelle diete delle persone. Vediamo quindi, col presente approfondimento, di capire come viene visto dai dietisti il grasso delle uova riguardo del colesterolo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Uova e colesterolo

Stando a quanto riferiscono i dietisti dell’Istituto Humanitas Gavazzeni di Bergamo, l’uovo e il tuorlo, in particolare, sono tra gli alimenti che contengono più colesterolo. Si tratterebbe di una quantità pari a circa 200 mg per tuorlo. Ma nonostante ciò, sembra che i dietisti continuino a inserire un moderato consumo di uova anche nelle diete di chi è affetto da ipercolesterolemia. Vale a dire la patologia di chi presenta valori di colesterolo ben oltre la soglia di guardia. Non bisognerebbe focalizzarsi sulla quantità totale di colesterolo che si assume, quanto sul tipo di grasso assunto. Vale a dire, grassi saturi rispetto ai grassi insaturi.

Il grasso dei tuorli delle uova

Stando sempre a quanto fatto notare dai dietisti del centro Humanitas, le uova contengono circa il 9% di grassi. Più o meno circa 5 grammi per uovo, che equivale ad un cucchiaino di olio o di burro. Il tutto concentrato nel tuorlo, di cui più del 50% formato da grassi mono e polinsaturi. Quindi sembra che la demonizzazione delle uova, in sé e per sé, non abbia più così tanta ragione di esistere. Per cui, salvo casi speciali rimessi alla valutazione dei medici, si può affermare che, in linea di massima, il consumo di 2/3 uova a settimana sia un consiglio adatto a tutti.

Ciò, piuttosto, a cui bisogna prestare attenzione non sarà solo il consumo delle uova di per sé, quanto a tutto il resto degli alimenti che le contengano nell’impasto. Si pensi, a tale riguardo, alle salse a base di uova, ma anche ai dolci con le creme, o agli impasti delle paste fresche. Non si dimentichi poi in quante ricette le uova sono contemplate, come leganti tra i diversi ingredienti. Ecco dunque come viene visto dai dietisti il grasso delle uova riguardo il colesterolo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te