Come vedere i contributi versati per capire se ci sono buchi contributivi  che fanno perdere la pensione

Più volte si arriva a fine carriera lavorativa e la scoperta di periodi mancanti desta preoccupazione e sconforto. Chiamati anche buchi contributivi, consistono in periodi in cui il lavoratore non ha versato contributi. È consigliato sempre verificare i propri contributi, non solo quando ci si appresta ad uscire dal lavoro per la pensione. Ma come vedere i contributi versati per capire se ci sono buchi contributivi che fanno perdere la pensione? È più semplice di quanto possa sembrare. In quest’articolo spiegheremo come fare per tenere sempre sott’occhio il proprio estratto conto contributivo.

Come vedere i contributi versati per capire se ci sono buchi contributivi che fanno perdere la pensione

L’INPS mette a disposizione la consultazione dell’estratto conto contributivo. I lavoratori con questo servizio dedicato possono verificare la regolarità dei contributi versati. L’estratto conto contributivo contiene tutti i contributi versati, sia quelli versati dal datore di lavoro, sia quelli versati in modo autonomo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

In questo modo il lavoratore può verificare se ci sono buchi contributivi e procedere ai ripari con varie possibilità. Ad esempio, può operare: il riscatto, la ricongiunzione, la totalizzazione e in ultima analisi il versamento di contributi volontari.

Come utilizzare il sistema dell’INPS per la verifica dei contributi?

L’estratto conto previdenziale riporta i dati anagrafici del lavoratore e tutti i contributi previdenziali con le seguenti indicazioni:

  • tipologia di contributo (servizio militare, lavoro dipendente, artigiano, commerciante, eccetera);
  • periodo di riferimento dei contributi versati;
  • contributi utili espressi in giorni, settimane o mesi; questo dato permette di capire se i contributi sono sufficienti per la pensione e per il diritto;
  • reddito o retribuzione;
  • i dati di riferimento del datore di lavoro;
  • le note riportate dall’INPS alla fine dell’estratto conto previdenziale.

I lavoratori possono visualizzare e stampare l’estratto conto.

Volendo accedere al servizio dell’INPS, bisogna essere in possesso dello SPID, oppure la CIE o la CNS.

Per i lavoratori che non sono in possesso delle credenziali è possibile telefonare al contact center al numero 803 164 e richiedere l’estratto conto. Per coloro che telefonano da rete mobile devo utilizzare il numero 06 164 164.

È possibile fare la richiesta anche tramite il patronato.

Consigliati per te