Come utilizzare lo strumento professionale per fare una carne alla griglia eccezionale e fare invidia ai nostri vicini

Se la giornata è giusta e abbiamo fatto una ricca spesa, può capitare di improvvisare una bella grigliata in giardino o in terrazzo. E se abbiamo il pallino del barbecue e la passione dell’affumicatura, è il momento di ripassare tutto ciò che occorre sapere. Soprattutto come utilizzare lo strumento professionale per fare una carne alla griglia nel barbecue eccezionale e fare invidia ai nostri vicini.

L’affumicatore è uno strumento davvero particolare: cuoce la carne a fuoco molto lento, usando solo carburante vegetale. In questo modo non solo insaporisce moltissimo la carne, ma le dà  anche le caratteristiche specifiche del legno che si sceglie per alimentarlo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe

E se vi sembra strano ricredetevi: sbirciate in rete e troverete moltissimi siti e forum di appassionati che si confrontano e scambiano consigli  su quale sia il legno (ridotto in trucioli) ideale per una specifica occasione.

Come utilizzare lo strumento professionale per fare una carne alla griglia nel barbecue da eccezionale e fare invidia ai nostri vicini

Per prima cosa scegliamo che tipo di affumicatore usate: ce ne sono ad acqua, a carbone, a gas ed elettrici. E cominciamo bene a dove piazzarlo. Naturalmente dovremo metterlo all’esterno, badando di ridurre al minimo i rischi di incendio o di contaminazione. Scegliamo se possibile, un luogo ventilato, ma senza esagerare.

Una volta montato e installato, dobbiamo fare una prima accensione. Questo permetterà al nostro affumicatore di ripulirsi da qualsiasi sostanza chimica o contaminante. Portiamo a 200 gradi la temperatura, per poi abbassarla a 105. Lasciamo lavorare qualche ora l’affumicatore e dedichiamoci alla carne.

Se abbiamo in mente un condimento, è il momento di iniziare a prepararlo: in caso contrario dovremmo deciderlo in fretta. Bagniamo e strofiniamo la carne, massaggiando delicatamente. Quindi mettiamo tutto in frigo in una ciotola di vetro e lasciamo riposare per un giorno.

Ora dobbiamo mettere i trucioli di legno nell’affumicatore e riempire con il combustibile il piccolo vano laterale (a meno che non si tratti di un affumicatore elettrico). È il momento di accendere! Ma assicuriamoci che nella camera di combustione ci sia un buon tiraggio e che l’aria circoli bene.

Quando la temperatura ha raggiunto e superato i 200°, bisogna lasciare che lentamente questo valore si dimezzi. Attorno ai 100° infatti creeremo le braci per la nostra affumicatura.

I tempi

Seguendo queste indicazioni i tempi ideali per un kilo di carne ben affumicato dovrebbero essere di circa un’ora. Ma siamo liberi di sperimentare, per esempio abbassando la temperatura e allungando i tempi, o viceversa. Quando ci sembra il caso, spennelliamo la carne con un po’ del liquido della marinata, prima di girarla.

Per sapere quando la carne è pronta dovremo andare ad occhio: ma è meglio evitare di controllare troppo spesso, perché ogni volta che si apre la camera di combustione si disperde il calore e si altera l’affumicatura. Buon appetito!

Consigliati per te