Come superare la perdita finanziaria durante la crisi dei mercati

Di crisi dei mercati ormai se ne parla da diversi giorni. Affrontare le ingenti perdite di capitale che si sono abbattute su investitori e aziende è diventata una priorità assoluta. L’effetto che la diffusione del coronavirus ha scatenato sull’economia mondiale dipinge scenari senza eguali ed anche chi ha nervi ben saldi inizia a vacillare. La perdita di denaro e di capitale porta con sé dei forti connotati emotivi che abbattono e scoraggiano anche i più impavidi investitori. Reagire in maniera adeguata non è sempre facile e le strategie più appropriate talvolta non sono a portata di mano. Come superare la perdita finanziaria durante la crisi dei mercati e reagire in modo efficace? La storia dell’economia ci insegna che le crisi hanno una certa periodicità e che, pertanto, anche questa situazione economica vedrà un recupero.

Quando la perdita diventa un ostacolo

Immaginiamo di prender parte ad un semplice gioco finanziario: ognuno dovrà scegliere se investire o meno 1.000 euro. Il vostro investimento sarà condizionato dal lancio di una moneta: se esce testa, avrete vinto 2.500 euro, se esce croce, ne avrete persi 1.000. La puntata si ripete per dieci volte consecutive. Cosa notate? Sicuramente la perdita e la vincita non sono di uguale misura. Tutti i lettori converranno che sia conveniente investire, dal momento che il guadagno è nettamente superiore alla eventuale perdita.

Eppure, in studi condotti in laboratorio, si evince che la maggior parte dei partecipanti si accontenti di una vincita inferiore pur di evitare le perdite. Gli studi sul comportamento umano di fronte agli investimenti parlano dell’esistenza di una cosiddetta “avversione alla perdita”. A causa di questa avversione, la scelta di investire o meno pare fortemente influenzata da ciò che è accaduto durante l’ultimo investimento fatto. Se la scommessa è persa, come accade nel gioco, il desiderio di investire diminuisce in maniera significativa. Nulla di più appropriato alla situazione attuale che l’economia e gli investitori stanno vivendo. Il contemporaneo scenario dei mercati sta mettendo a dura prova le abilità degli investitori. Quand’anche i rinomati beni rifugio mostrano vacillare di fronte alla crisi economica, ecco che il panico assale anche il più controllato degli investitori. Come superare la perdita finanziaria durante la crisi dei mercati allora?

La scienza in aiuto delle limitazioni di ciascuno

Le neuroscienze dimostrano che spesso, in occasioni di investimenti finanziari, gli investitori diventino preda delle cosiddette trappole cognitive. Si tratta di errori tipici nei processi di scelta degli individui legati ai fenomeni di ancoraggio che generano un effetto conferma: ci si affida in maniera eccessiva alla prima informazione che ci viene fornita. Se allora la prima notizia è che i mercati stanno crollando, quella diventerà la vostra ancora sulla scorta della quale prenderete le vostre scelte.

Allora, come superare la perdita finanziaria durante la crisi dei mercati? Se è vero che i mercati sono in crisi, sarà probabilmente vero che altre e nuove opportunità di investimento si stanno creando nello scenario contemporaneo. Pertanto, prima di battere in ritirata sulla scia dello sconforto, si potrebbe studiare la situazione attuale e cercare la strada migliore per sconfiggere la crisi. Lasciarsi incatenare dalle trappole cognitive, potrebbe significare imporre una forte limitazione alle proprie abilità di investimento. E questo non è l’atteggiamento più adeguato se si tiene in conto che le perdite possono verificarsi. L’abilità sta nel risollevarsi e riprendere la navigazione anche in acque talvolta estremamente tempestose.

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.