Come si fa l’italianissimo caffè Marocchino aromatizzato al cacao e variegato al latte

Ecco come si fa l’italianissimo caffè Marocchino aromatizzato al cacao e variegato al latte.

Il caffè puro, macchiato o corretto è sempre un punto nodale nella giornata di tutti gli italiani. Varie sono infatti le tappe che si contraddistinguono come pausa caffè. E così, col passare delle epoche e delle stagioni, anche l’originaria “tazzulella e’ caffè” ha mutato veste. Per cui ora c’è davvero l’imbarazzo della scelta tra i mille modi per degustare l’aromatica miscela scura. E così dopo esserci occupati in altro approfondimento del caffè Mocaccino, ora è la volta di conoscere il caffè Marocchino. Vediamo quindi come si fa l’italianissimo caffè Marocchino aromatizzato al cacao e variegato al latte.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Il caffè nel bicchierino

Ciò che, a prima vista, cambia dalla consueta tazzina di caffè, è il contenitore. Vale a dire non più la tazzina in ceramica, ma il bicchierino di vetro. Non a caso, il caffè Marocchino sembra trarre le proprie origini dal cosiddetto “bicerin di Cavour”. Per di più, il Marocchino in Piemonte sembra che si chiami “vetrino”. Quindi c’è tutta una vera e propria filosofia dietro il caffè cosiddetto “al vetro”. Nel caso che qui ci interessa, la ragione del ricorso al vetro è anche di natura estetica. Visto che è davvero allettante cominciare a degustare, già con lo sguardo, le varie gradazioni di colore di cui si compone il caffè Marocchino.

Gli ingredienti

Per mettere “in cantiere” il caffè marocchino, occorrono oltre ad una miscela di caffè di qualità, anche del cacao amaro in polvere e della crema di latte. Così la prima operazione consiste nello spolverizzare il fondo del bicchierino con del cacao in polvere. Poi si procederà con il versare il caffè caldo nel bicchierino, con una successiva spolverizzata di polvere di cacao. A questo punto sarà la volta della crema di latte che potrà ottenersi sia attraverso l’apposita lancia che rende schiumoso il latte, ma anche diversamente.

L’importante è che si arrivi ad una certa consistenza del latte montato a schiuma, sì da creare una sommità densa. Questo consentirà, per qualche secondo, di mantenere separata l crema di latte dal sottostante strato di caffè liquido. Infine si potrà nuovamente spolverizzare la sommità della crema di latte con la polvere di cacao. A questo punto, il bicchierino di Marocchino, sarà pronto per la degustazione finale.

Consigliati per te