Come si crea in casa una piccola centrale di mining per criptovalute

L’argomento Bitcoin e, in generale, delle criptovalute, è diventato particolarmente scottante negli ultimi mesi. Gli Esperti della Redazione di ProiezionidiBorsa hanno affrontato spesso l’argomento. I Lettori sono però molto curiosi di saperne di più. Una domanda molto gettonata è: come si crea in casa una piccola centrale di mining per criptovalute e quanto consuma?

La prima immagine che viene in mente, quando si parla di criptovalute, è quella di bui container pieni di chissà quali assurdi macchinari. Niente di più lontano dalla realtà. Per capirci qualcosa di più, bisogna però partire dai fondamentali. Cosa vuol dire “minare criptovalute” e come funziona?

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Il mining

Il processo tecnico su cui si basa il mining è semplice. Le criptovalute hanno una natura peer-to-peer. Ogni nodo della rete di una criptovaluta ha quindi la stessa importanza all’interno del sistema.

Chi fa mining investe in strumenti e macchinari che, inseriti nella rete, servono a convalidare le transazioni. Il miner riceve in cambio una ricompensa in criptovaluta per ospitare queste transazioni. Più semplicemente, il “minatore” mette a disposizione la CPU – ovvero il processore – e/o la GPU – ovvero la scheda grafica – di un suo sistema per generare i cosiddetti “hash”.

Gli hash convalidano le transazioni delle criptovalute e sono generati più o meno velocemente a seconda della potenza di calcolo del sistema utilizzato. Più è recente e moderno il processore o la scheda grafica, più hash potrà generare, più transazioni potrà convalidare. Un maggior numero di transazioni corrisponde a un guadagno più elevato di criptovalute.

I costi

Dopo aver risposto a queste domande, è il momento di capire come si crea in casa una piccola centrale di mining per criptovalute e quanto consuma.

Un computer in disuso sarà sufficiente, almeno per capire il meccanismo. Il Lettore interessato a provare dovrà installare su di esso software specifici per il mining come Kryptex.

Attenzione, si tratta di operazioni che richiedono un minimo di conoscenza informatica: ProiezionidiBorsa declina ogni responsabilità su eventuali danni al computer e raccomanda comunque di effettuare backup dei propri dati per evitare sorprese.

Kryptex permette di utilizzare sia il processore che la scheda grafica per effettuare le operazioni di mining. Con componenti troppo vecchi, il Pc avrà più costi che effettivi ricavi. Eh si, perché bisogna considerare il prezzo dell’elettricità per tenere acceso il Pc a fare mining 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e l’eventuale costo di un impianto di raffreddamento. I prezzi dei componenti e delle utenze, al momento, sono davvero proibitivi. Non è decisamente il momento migliore per fare soldi veri minando criptovalute!

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te