Come scoprire quanto guadagna il vicino di casa

I redditi di una persona sono un argomento sensibile su cui spesso aleggia un alone di mistero. A molti, infatti, piace dare l’idea di essere benestanti conducendo una vita talvolta al di sopra delle proprie possibilità. Al contrario, di fronte al Fisco, è naturale voler minimizzare, anche per paura di verifiche e controlli tributari. L’Erario monitora infatti molto attentamente le movimentazioni economiche dei contribuenti per verificarne la coerenza con quanto dichiarato.

In un recente approfondimento abbiamo visto che esiste addirittura una soglia minima di prelevamenti in contanti necessaria per evitare controlli. Nonostante il riserbo, per molti i dati delle dichiarazioni dei redditi possono essere molto interessanti. Ad esempio, per scoprire quanto guadagna l’amico che vanta grandi successi professionali o il professionista restìo ad emettere una fattura. In questo articolo analizzeremo proprio come scoprire quanto guadagna il vicino di casa in maniera assolutamente legale.

Le dichiarazioni online

In alcuni Stati, il Fisco pubblica annualmente le dichiarazioni dei redditi dei contribuenti su propri canali ufficiali. Ecco come scoprire quanto guadagna il vicino di casa ad esempio nei Paesi scandinavi, in Pakistan o in Islanda: basta connettersi ad Internet. In Italia ad oggi non è possibile consultare le dichiarazioni dei redditi degli altri contribuenti, anche se esiste un curioso precedente. Il 30 aprile 2008, infatti, l’Agenzia delle Entrate pubblicò le dichiarazioni dei redditi dei cittadini sul proprio portale. Il traffico fu così elevato da mettere fuori uso il sito e ne seguì un vero vespaio di polemiche. Su iniziativa del Garante, i dati sparirono dopo sole dieci ore di visibilità e nessun Governo propose più nulla di simile. Ad oggi è quindi impossibile conoscere i guadagni di un privato cittadino ma esistono alcune eccezioni.

Come scoprire quanto guadagna il vicino di casa

Se i 730 restano riservati, le società di capitali hanno l’obbligo di pubblicare ogni anno i propri bilanci presso le Camere di Commercio. Da un’analisi di tali documenti pubblici è possibile ricavare i redditi percepiti dai soci e amministratori di tali imprese. Inoltre, per le sole società quotate, questo dato è addirittura pubblicato sul sito aziendale a beneficio di azionisti e obbligazionisti. I bilanci d’esercizio contengono anche l’indicazione precisa del costo per il personale, ovvero del totale pagato ai dipendenti. In questo modo, sarà possibile stimare con una discreta precisione il reddito di chi lavora presso una specifica impresa. Non dimentichiamo che una visura catastale per soggetto consente di conoscere l’elenco di immobili di proprietà di una persona. Un ottimo modo per capire se, oltre ai redditi da lavoro, un amico percepisce anche dei canoni di locazione.

Consigliati per te