Come sciogliere il burro e sostituirlo nella pasta frolla

Il burro è davvero ampiamente adoperato in cucina. Più che mangiarlo, spalmato su una fetta di pane, tendiamo ad impiegarlo alla stessa stregua di uno strumento importante. Lo usiamo, infatti, per ungere il fondo di teglie e padelle ed evitare che il cibo o gli impasti preparati vi si attacchino. Certamente, il burro è anche un ingrediente delle nostre preparazioni, soprattutto dolci. Serve per completare le ricette di torte, biscotti, crostate e anche della pasta frolla.

Raramente le istruzioni prevedono il suo uso nella forma intera. Il burro, infatti, per lo più viene adoperato come ingrediente liquido negli impasti. Per questo motivo deve essere sciolto con cura, prima di andare ad aggiungersi ad altri ingredienti. Questo sembra facile. Ma siamo certi di provvedere alla fusione del burro nel modo giusto? Scopriamo il procedimento migliore e anche cosa usare in mancanza del burro per preparare, ad esempio, una frolla all’ultimo minuto.

Come sciogliere il burro e sostituirlo nella pasta frolla

Il problema, nello sciogliere il burro, è quello che si bruci durante la liquefazione. Per questo sarebbe meglio, per l’alimento, non toccare direttamente il fondo di un recipiente posto sulla fiamma. Il suo punto di fusione è infatti basso, per cui il calore va tenuto molto in conto. Molti sciolgono il burro in padella ma qui è davvero alta la possibilità che si bruci. Altri usano il microonde, ma il basso punto di fusione del burro può creare inconvenienti. Come uno scioglimento troppo rapido e la degenerazione in bruciatura.

Il metodo migliore è la fusione a bagnomaria. Basta tagliare il burro a pezzi, metterlo in una ciotola e poggiarla su una pentola capiente piena di acqua. Questa sarà quella che si riscalda sul fuoco, per cui la fiamma non toccherà direttamente il recipiente del burro. Il calore farà sciogliere l’alimento senza problemi di bruciature. Vediamo ora cosa usare al posto del burro per la pasta frolla nel caso ne fossimo sprovvisti e come fare.

Cosa usare e come fare

La pasta frolla è una preparazione che permette di dare vita a torte e crostate golose. Esiste una sua ricetta classica ma anche varianti che prevedono la sostituzione di alcuni ingredienti come le uova o il burro. Nel caso del nostro alimento, usare altro al suo posto è possibile. Possiamo infatti adoperare l’olio di semi di girasole o l’olio di oliva in sostituzione del burro. La frolla ottenuta sarà particolarmente leggera, morbida, friabile, modellabile e non si sbriciolerà quando lavorata. Grazie all’uso dell’olio, inoltre, non sarà necessario far riposare la pasta in frigo.

Ma come fare? Semplicemente, nell’impasto degli ingredienti, si dovrà tenere conto del quantitativo di farina. Per 300 g di farina si dovranno utilizzare almeno 80 g dell’olio prescelto. Quindi l’olio andrà prima mescolato con zucchero, sale e uova e dopo unito alla farina e al lievito. Abbiamo quindi capito come sciogliere il burro e sostituirlo, all’occorrenza, nel modo giusto.

Lettura consigliata

Come dividere tuorli e albumi nel modo giusto e un segreto per ottenere dolci da alta pasticceria

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te