Come sarà il 2021 per la principale banca italiana? Le aspettative per Intesa Sanpaolo

Come sarà il 2021 per la principale banca italiana?

L’evento dell’anno per Intesa Sanpaolo è stata l’OPS su UBI Banca che si è conclusa con pieno successo. In questo modo si è rafforzato il ruolo di principale banca italiana.

Nonostante questo il 2020 è stato un anno che si avvia a chiudere con una perdita di circa il 10%. Niente male visto che in aprile era arrivato a perdere circa il 45%

Gli analisti che coprono il titolo hanno un consenso medio Buy, comprare subito, con un prezzo obiettivo che esprime una sottovalutazione del 15% circa. C’è, poi, un altro aspetto che rende il titolo molto interessante. Utilizzando il criterio del rapporto prezzo/utili troviamo che il PE di Intesa Sanpaolo è circa un fattore 2 inferiore rispetto a quello della media del settore bancaria. Il titolo, quindi, potrebbe raddoppiare il suo valore, a parità di utili, per allinearsi alla media del settore.

intesa sanpaolo

Andamento del titolo Intesa Sanpaolo nel corso del 2020. La variazione percentuale è espressa rispetto alla chiusura del 2019.

Quali sono i mesi rialzisti per Intesa Sanpaolo?

Nella figura seguente è riportato per ciascun mese dell’anno la probabilità che la chiusura sia superiore all’apertura mensile. La percentuale media indicata è calcolata su tutti gli anni che vanno dal 2007 al 2020.

Notiamo come febbraio e maggio siano i mesi con la minore probabilità (36%) che la chiusura sia superiore all’apertura. Viceversa, i mesi di aprile e luglio sono quelli con la maggiore probabilità (71%) che la chiusura sia superiore all’apertura.

blank

Come sarà il 2021 per la principale banca italiana? Le indicazioni dell’analisi grafica e previsionale

Intesa Sanpaolo (MIL:ISP) ha chiuso la seduta del 28 dicembre a 1,9224 euro  in rialzo dello 0,49% rispetto alla seduta precedente.

Come si vede dal grafico la tendenza in corso sul time frame trimestrale è ribassista, ma le quotazioni si trovano vicino a un livello chiave per capire cosa succederà nel 2021. Area 1,96 euro, infatti, rappresenta lo spartiacque tra l’annullamento della proiezione ribassista in corso e quella rialzista indicata dalla linea tratteggiata. Una chiusura di dicembre superiore a questo livello farebbe partire al rialzo le quotazioni verso gli obiettivi indicati in figura: 3,025 euro, 4,73 euro e 6,45 euro. Nel caso in cui venga raggiunta la massima estensione Intesa Sanpaolo potrebbe triplicare il suo valore. Nel caso più realistico, invece, potremmo attenderci il raggiungimento del I obiettivo di prezzo in area 3,025 euro per un rialzo di circa il 50% rispetto ai livelli attuali.

È interessante notare che con la chiusura di dicembre potrebbe concretizzarsi un segnale rialzista di BottomHunter, Per il momento, invece, lo Swing Indicator rimane in territorio neutro.

intesa sanpaolo

Intesa Sanpaolo: proiezione ribassista (linea continua)  in corso sul time frame trimestrale. Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Approfondimento

L’ultima settimana del 2020 sarà decisiva per capire il futuro del Ftse Mib Future

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te