Come risparmiare sulle bollette sfruttando la luce solare anche in inverno

Risparmiare in tempi così difficili e incerti può essere una grande risorsa. Salvaguardare il proprio portafoglio non significa vivere di stenti, ma organizzare le risorse. In questo modo è possibile sfruttare al meglio i propri guadagni e usarli per ciò che si preferisce.

Nel caso della luce elettrica, risparmiare può sembrare difficile. Ciò specialmente nel periodo invernale e da quando ci si trova nella condizione di lavorare da casa.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Per riuscire nell’intento di risparmiare sulla luce, aiutando anche il Pianeta Terra, si possono seguire delle semplici regole. Come risparmiare sulle bollette sfruttando la luce solare anche in inverno?

Usare la luce solare

In questo periodo, in cui tutto viene sanificato più volte al giorno, viene usata molta acqua calda e luce per computer e tablet, il consumo è enorme. Per ottenere un cospicuo risparmio sulla bolletta bimestrale l’unica soluzione è conoscere delle semplici regole. Sfruttare la luce naturale del sole, anche nelle città più grigie, è possibile.

Arieggiare gli ambienti la mattina. Questo accorgimento è fondamentale non solo per il benessere di chi abita le stanze, ma permette anche di abbassare i consumi e sprecare meno energia dei caloriferi. Infatti la mattina essi sono di norma spenti.

Stanze poco usate o inutilizzate. Cercare di non tenere i termosifoni a una gradazione maggiore di 19-20 gradi. Se ci sono stanze non sfruttate, si può abbassare ancora la temperatura o addirittura spegnerli. Per fare ciò far installare delle valvole termostatiche per limitare l’impiego di caloriferi e termosifoni in determinate ore e stanze.

Evitare asciugatrici. Sfruttare la luce del sole per stendere e asciugare i panni. Nel caso non sia possibile, allora si sfrutti il calore emanato dai caloriferi. Questa pratica diminuirà moltissimo il conto sulla bolletta.

No alle dispersioni di calore. Nuovi infissi, fogli isolanti dietro ai termosifoni, chiudere le serrande nelle ore notturne, insufflaggio alle pareti. Sono tutti metodi più o meno semplici che riducono al minimo la dispersione di calore e rendono super efficaci i termosifoni.

Come risparmiare sulle bollette sfruttando la luce solare anche in inverno?

Per quanto riguarda il risparmio sulla bolletta della luce, questi sono i consigli che permettono di servirsi della luce del giorno usando meno luce elettrica possibile. È chiaro che ciò verrà spontaneamente con l’allungarsi delle ore di luce in primavera ed estate. Eppure anche nelle stagioni con meno ore di luce si può fare qualcosa di molto utile.

Spegnere gli interruttori della luce quando e se non è strettamente necessario. Si cerchi di utilizzare le prime ore di luce del mattino presto, magari eliminando per la sola stagione invernale, tende e parasole. Spostare le attività casalinghe in base al maggior afflusso di luce. Cercare di posizionare scrivanie e tavoli di lavoro nei punti che sfruttano maggiormente la luce diurna.

Dipingere le pareti con colori chiari che attirano la luce e la riflettono, è un grande aiuto per l’illuminazione dell’intera casa, anche di zone particolarmente buie o piccole.

Staccare tutte le macchine o strumenti tecnologici dalle prese se non utilizzati. Cercare di non lasciare sempre attaccati alle prese caricabatterie, televisione, computer e laptop, I-pad, cellulari, elettrodomestici. In questo modo ci sarà un grande risparmio e si eviterà l’inquinamento elettronico dovuto alle onde elettromagnetiche.

In inverno, ridurre la temperatura del frigorifero. Con temperature basse non è necessaria una temperatura alta del frigorifero. Terrazzini e balconi possono essere sfruttati come “congelatori naturali” per conservare frutta e ortaggi al freddo invernale.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te