Come rinvasare nel modo migliore le piante seguendo questi 4 semplici passaggi

Chi ha molte piante saprà che ogni tanto sarà necessario procedere con un rinvaso. Infatti, le piante crescono e, spesso, rischiano di trovarsi in un contenitore di dimensioni ridotte rispetto al necessario.

Prima di rinvasare una pianta è importante conoscere alcune cose per evitare di causarle stress inutile.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Un rinvaso attento e scrupoloso sarà un vero toccasana per la pianta che, così, potrà crescere sempre più rigogliosa. Il periodo più adatto per rinvasare è la primavera quando la pianta non ha ancora cominciato a gemmare. Come rinvasare nel modo migliore le piante seguendo questi 4 semplici passaggi.

Quando rinvasare?

Il rinvaso della pianta dovrà avvenire solamente se necessario. Ad esempio, nel caso in cui la chioma della nostra pianta fosse decisamente sproporzionata rispetto alla parte bassa sarà necessario effettuare un rinvaso.

Ecco un altro caso in cui sarà importante procedere, quando le radici hanno occupato tutto il panetto di terra. In alcuni casi le radici arrivano anche a fuoriuscire dai buchi di drenaggio sul fondo del vaso.

Non bisognerà assolutamente rinvasare la pianta se appena acquistata o se sta fiorendo.

Che terriccio utilizzare?

Per rinvasare correttamente è necessario sapere che tipo di pianta si ha tra le mani. Infatti, non tutte necessitano delle medesime cure o del medesimo trattamento.

Alcune piante, come le orchidee o i cactus non hanno radici capaci di affondare nel terriccio compatto. Se sistemate in un terreno compatto marciranno rapidamente e la pianta deperirà. Per questo tipo di piante sarà perfetto l’utilizzo di ciottoli o sabbia mista alla terra.

Nel caso di piante tropicali, al contrario, sarà perfetto utilizzare un terriccio umido e compatto.

Cosa serve?

Per rinvasare correttamente una pianta sarà necessario utilizzare dei prodotti di buona qualità.

Il vaso utilizzato dovrà avere una buona capacità di far fuoriuscire l’acqua e di dimensioni appena superiori rispetto a quello precedente.

Prima di iniziare con le operazioni sarà necessario munirsi di terriccio o di argilla espansa per permettere una buona aerazione, e sabbia per migliorare il drenaggio.

Come fare?

Un giorno prima di procedere con il rinvaso annaffiare la pianta. Sfilare lentamente il vaso, se l’operazione sembra impossibile utilizzare un coltello per tagliare la terra sui bordi.

Una volta sfilato rimuovere una parte della terra dalle radici. Sistemare nel nuovo vaso uno strato di argilla espansa e della terra prima di inserire la pianta.

Riempire il vaso con altra terra comprimendo bene il suolo. Alla fine, bagnare la pianta e poi lasciarla asciugare. Ecco come rinvasare nel modo migliore le piante seguendo questi 4 semplici passaggi.

Per scoprire una pianta succulenta molto particolare si consiglia questa lettura.

Consigliati per te