Come richiedere l’assegno INPS da 80 a 160 euro per ogni figlio in base al reddito ISEE

Insieme agli Esperti di ProiezionidiBorsa capiremo come richiedere l’assegno INPS da 80 a 160 euro per ogni figlio in base al reddito ISEE. Si tratta di un sussidio economico tramite cui il Governo garantisce sostegno alle famiglie italiane più numerose. Spesso i bilanci finanziari di molti contribuenti si rivelano insufficienti a far fronte ai bisogni e alle esigenze dei figli. A ciò si aggiunge spesso la perdita dell’impiego e lunghi periodi di disoccupazione come quello che stiamo vivendo a causa della diffusione del Covid-19. Accade quindi che le famiglie con più figli sperimentino difficoltà economiche che non consentono un dignitoso stile di vita.

Analizziamo dunque i requisiti necessari e come richiedere l’assegno INPS da 80 a 160 euro per ogni figlio in base al reddito ISEE. Occorre anzitutto individuare i potenziali beneficiari dell’ammortizzatore economico. E preme anche non confondere questa misura assistenziale con quella di cui abbiamo già discusso. Vi rimandiamo a tal fine alla lettura dell’articolo “Bonus INPS fino a 250 euro a figlio per le famiglie con reddito ISEE basso”. Il bonus da 250 euro spetta infatti ai nuclei familiari in condizioni di precarietà economica e che hanno a carico figli fino all’età di 21 anni. L’assegno INPS che oscilla da un minimo di 80 ad un massimo di 160 euro è invece un indennità di natalità.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Come richiedere l’assegno INPS da 80 a 160 euro per ogni figlio in base al reddito ISEE

L’assegno di natalità spetta non solo al genitore che mette al mondo un figlio, ma anche a chi adotta un bambino. Stando a quanto disciplina la circolare n. 26/2020, l’INPS eroga importi pari a 80, 120 o 160 euro a prescindere dalla fascia di reddito. Ovviamente l’importo varierà in proporzione all’indicatore ISEE e potrà beneficiarne chi nasce nel corso del 2020 a partire dallo scorso 1° gennaio. In presenza di un secondo figlio successivo al primo il genitore matura il diritto ad una maggiorazione pari al 20%. Quindi per redditi non superiori a 7.000 euro l’assegno ammonta a 160 euro per il primo figlio e 192 euro per quello successivo. Se la fascia reddituale risulta inferiore a 40.000 euro si ottiene un assegno pari a 120 euro per il primo figlio, 144 per il successivo.

Consigliati per te