Come restaurare una sedia e risparmiare?

Come restaurare una sedia e risparmiare?

Per tanti le vacanze sono già terminate, mentre per altri invece può trattarsi di vacanze forzate, per via della recessione economica in corso. Per tutti, però, c’è sempre l’intento di risparmiare quando si tratta di fare certi lavori di casa. Un esempio al riguardo può essere quello di rimettere a nuovo delle vecchie sedie in legno. Pensiamo a quelle che abbiamo in casa e necessitano di un restyling, o lasciate in deposito a impolverarsi, o che stanno inutilizzate in una seconda casa. Vediamo allora come restaurare una sedia e risparmiare, provando a fare tutto da soli e tagliando decisamente i costi dell’operazione.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

La strumentazione occorrente

Quella che era una vecchia e malandata sedia in legno, può tornare a risplendere nel giro di pochi interventi alla nostra portata. Per raggiungere lo scopo, ci serviremo di appositi strumenti tecnici. Vale a dire: stucco per legno, carta vetro, spugna, spatola, pennello e cementite, colore smaltato, guanti per le mani.

I lavori di preparazione

La procedura da seguire ricalca a grandi linee quella di solito applicata quando si pittura una parete (in questo articolo trovate dei consigli sul tema). Anzitutto partiamo coprendo tutti i buchi e imperfezioni presenti sulla superficie, applicando lo stucco. Stenderemo lo stucco bianco per i buchi di più piccole dimensioni. Useremo invece lo stucco marrone per quelli più grandi, oppure per correggere eventuali imperfezioni della sedia. Si pensi a qualche piccolo pezzo di legno scheggiato a seguito di una caduta della sedia. Con lo stucco, si può rimodellare la superficie.

Levighiamo la sedia

Finita la fase di fissaggio dello stucco, lasciamo asciugare la sedia dal materiale che abbiamo appena steso. Successivamente, servendoci della carta vetro, andremo a levigare tutta la sedia, specie nei punti precedentemente stuccati. L’obiettivo è quello di rendere liscia tutta la superficie, eliminando lo stucco in eccesso. Ma, allo stesso tempo, mireremo a togliere via anche la vecchia vernice che è rimasta ancora incollata alla sedia. Finiremo questa fase quando la superficie risulterà al nostro tatto completamente liscia e levigata.

Una particolare attenzione va posta al verso della levigatura: seguiremo, infatti, il verso della venatura del legno.

Come restaurare una sedia e risparmiare

L’ultima fase è quella della tinteggiatura. Per prima cosa toglieremo via la polvere precedentemente formatasi, aiutandoci con una spugna bagnata. Poi passiamo a mescolare il colore prescelto con l’ausilio di un pennello. La fase di tinteggiatura seguirà queste due regole precise:

a)  stenderemo la vernice direttamente sul legno, se abbiamo intenzione di usare colori smaltati;

b) in caso di scelta di altri colori, passeremo prima  una mano di cementite su tutta la sedia. Essa servirà da base, come fondo, e lasciamo che asciughi.

Finita la tinteggiatura, lasciamo asciugare per qualche giorno le nostre sedie in legno, che ritorneranno più trendy, più belle e funzionali di prima.

Consigliati per te