Come recuperare mobili in legno in modo naturale e spendendo poco

Capita di girar per mercatini dell’antiquariato e imbattersi in quel tavolo antico, un po’ malmesso, ma così ricco di fascino. Capita anche che, facendo un giro nella cantina della nonna, appare tra scatole e scatoloni un antico baule, perfetto da mettere in camera da letto. O più semplicemente si possiede un mobile in vero legno, che si vuole far durare nel tempo. I rimedi per prendersi cura del legno che – ricordiamo – è un elemento vivo e che necessita di essere nutrito, sono i più disparati. Purtroppo, molti di questi, si ottengono con l’impiego di materiali chimici e sintetici, con un relativo danno per la salute e l’ambiente.

E allora, come recuperare mobili in legno in modo naturale e spendendo poco?

Un rimedio lo offre, a basso costo, madre natura. O, meglio, le api.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Stiamo parlando della cera d’api, un composto prodotto dalle api, nei primi giorni di vita, per “costruire” i favi degli alveari. Questa sostanza, le cui proprietà benefiche erano conosciute sin dai tempi degli antichi Egizi, è oggi impiegata per molteplici fini. Basti pensare ai prodotti per la cura del corpo o a uso alimentare e sanitario.

Ma non tutti sanno che la cera d’api è anche un ottimo alleato per la cura dei mobili in legno.

Come usare la cera d’api sul legno

Innanzitutto, è necessario precisare che è possibile acquistare la cera d’api in qualsiasi ferramenta, purché sia pura cera d’api vergine (meglio ancora se è cera d’api carnauba). Assieme alla cera, è importante munirsi di:

  • guanti per proteggere le mani;
  • panno di lana.

A questo punto basterà prendere una noce di cera d’api – in piccolissima quantità – e posizionarla sul panno di lana. Dopodiché si dovrà lavorare con pazienza e olio di gomito, strofinando su porzioni di superficie, seguendo sempre il verso del legno. Questa operazione, che deve essere ripetuta per diversi minuti, serve a riscaldare la cera e farla filtrare con maggior facilità nel legno. Terminata la lucidatura di tutta la superficie lignea, sarà necessario aspettare 24 ore e ripetere l’operazione una seconda volta.

I vantaggi della cera

La cera d’api permetterà – a un costo davvero irrisorio – di proteggere i mobili dall’usura del tempo, rendendo le superfici più resistenti a eventuali urti, impronte, sbalzi di temperatura, ma anche più levigate e nutrite. Infine, la cera d’api, esalterà la bellezza delle venature naturali del legno, proteggendolo dalla polvere e dallo sporco, rilasciando un piacevole profumo.

Basterà solo scegliere la cera d’api del colore più adatto per recuperare mobili in legno in modo naturale e spendendo poco.

Consigliati per te