Come pulire senza sforzo pirofile e teglie incrostate eliminando bruciato e grasso con questa tecnica geniale ed economica

Cucinare pranzetti e cene deliziose può essere un’attività davvero rilassante. Per fare ciò, però, bisogna sapere quali metodi di cottura abbinare a ogni alimento o ricetta.

Come pulire senza sforzo pirofile e teglie incrostate eliminando bruciato e grasso con questa tecnica geniale ed economica

Tra le varie tecniche, la cottura in forno assicura risultati deliziosi e consistenze croccanti.

Basta pensare alla bontà di uno sformato di pasta o delle patate con la crosticina e tenere all’interno. Riguardo all’argomento è bene tenere presenti i 5 errori più gravi che non fanno ottenere patate al forno perfette. Sappiamo anche che per una cottura al forno che si rispetti è necessario utilizzare una parte grassa. Che in una teglia di ceramica o di vetro, l’olio o il burro sono una componente importante se non imprescindibile.

Il problema, però, sopraggiunge alla fine dell’amabile pasto. Dopo aver terminato di mangiare non ci resta che lavare teglie e pirofile, liberandole da resti di cibo e unto. L’impresa sembra già difficile, ma lo è ancor di più se lo sporco si asciuga creando patine ostinate.

Ma a tutto c’è un rimedio. Ecco come pulire senza sforzo pirofile e teglie incrostate eliminando bruciato e grasso con questa tecnica geniale ed economica. Basta continuare la lettura dell’articolo per scoprire di cosa si tratta.

Non solo aceto di vino e bicarbonato

La tecnica che solitamente si usa per risolvere questo tipo di problema è sfruttare l’azione pulente di aceto di vino e bicarbonato. Con una miscela in parti uguali dei due si può riuscire a sgrassare padelle e pirofile incrostate. Tuttavia, spesso questo metodo impiega circa 20 minuti o un’intera notte per funzionare. Ancora, può richiedere più applicazioni della pasta a base di bicarbonato e aceto e l’uso di una spugnetta abrasiva.

Ma esiste un metodo ancor più facile ed economico che sorprenderà per praticità ed efficacia. In questo caso si sfrutterà per prima l’azione sgrassante e antimicrobica del limone. Tagliamo l’agrume in due metà. Poi, facendo attenzione, riscaldiamo la parte della polpa avvicinandola alla fiamma di un fornello da cucina per 5-6 secondi. Adesso passiamo il limone sulla superficie della pirofila incrostata.

Nel frattempo, mettiamo a bollire dell’acqua utilizzando una pentola abbastanza grande da contenere la pirofila. Poco prima che l’acqua raggiunga il bollore, inseriamo la pirofila e spegniamo la fiamma sotto la pentola. L’azione unita dell’acqua calda, del vapore e del limone eliminerà lo sporco. Dopo qualche minuto di ammollo si potrà osservare che i residui di cibo cominciano a staccarsi da soli. Con una sola passata di spugna elimineremo il resto senza fatica.

Letture consigliate

Il trucco della patata per far tornare come nuove le padelle antiaderenti rovinate

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te