Come pulire il calamaro

Il calamaro è un mollusco che si reperisce abbastanza facilmente, sia sul banco del pesce al mercato o in pescheria, sia tra i surgelati al supermercato. Solitamente quello che si trova sul banco del pesce o in pescheria è di provenienza del Mar Mediterraneo. Quello surgelato, invece, spesso proviene dall’Oceano Atlantico orientale.

Quelli del Mediterraneo sono probabilmente i migliori. Tra quelli atlantici, invece, è consigliato preferire quelli provenienti dai mari più caldi, poiché più morbidi rispetto a quelli dei mari freddi. Il calamaro thailandese, ad esempio, è consigliato tra i calamari surgelati.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

È un mollusco che si trova tutto l’anno e la freschezza si riconosce dal colore intenso della pelle. Inoltre se il calamaro ha un manto opaco, quindi poco brillante, potrebbe non essere freschissimo. Ma come pulire il calamaro?

È molto semplice

Pulire i calamari è un’operazione abbastanza semplice. Il corpo è composto da una parte centrale e dalla testa. Si utilizzerà anche la testa, quindi non si dovrà buttare via.

Come prima cosa si tratterà di lavare i calamari sotto l’acqua corrente. La testa si dovrà staccare dal corpo e mettere da parte.

Ora che la testa è staccata, bisogna svuotare il manto del calamaro dalle sue interiora e dalla penna trasparente che si trova all’interno del manto. La penna va semplicemente estratta.

Passare il calamaro tra l’indice e il pollice lungo la sua lunghezza aiuterà a svuotarlo dalle interiora. Lavare nuovamente il calamaro una volta svuotato dalle interiora, tenendolo aperto come un sacchettino aiuterà a pulirlo per bene al suo interno.

Una volta effettuato questo passaggio, bisognerà effettuare una piccola incisione sulla pelle e tirarla via. La pelle del calamaro viene via abbastanza facilmente.

Le pinne possono essere tagliate via per essere utilizzate insieme alla testa e ai tentacoli, nella preparazione del calamaro. Anche alle pinne va tolta la pelle alla stessa maniera del manto.

Ora bisognerà tagliare via gli occhi dalla testa e, fatto questo, basterà premere la testa per fare uscire il dente che si trova al centro della testa.

Come ultima cosa, tamponarlo con della carta assorbente in tutte le sue parti, per asciugarlo prima di cucinarlo.

Ecco spiegato in modo semplice come pulire il calamaro.

Consigliati per te