Come pulire e togliere la buccia alla zucca e come cucinarla e conservarla

ortaggio zucca

L’autunno porta sulla nostra tavola ortaggi speciali, come la zucca. Regina della stagione, permette di arricchire i nostri piatti con qualcosa di inusuale. Che riscalda il palato con il dolce gusto della sua polpa. Con la zucca possiamo preparare farciture e ripieni e cremose vellutate ricche di proprietà benefiche per l’organismo. L’ortaggio sarebbe infatti ricco di sostanze antiossidanti e di vitamine A, C ed E.

La zucca si accosta bene sia ai primi di pasta che ai secondi di carne. Certo, però, per cucinarla bisogna prima saperla preparare a dovere.

Come pulire e togliere la buccia alla zucca

Le zucche sono ortaggi generalmente grossi e con una buccia molto spessa. Per cucinarle bisogna saperle trattare adeguatamente. Le tipologie possono essere diverse poiché le zucche variano molto in termini di dimensioni, forma e colore. Se abbiamo comprato una di quelle zucche tipicamente tonde e allungate, la loro preparazione sarà molto semplice. La polpa gialla di questi ortaggi è, infatti, molto compatta e priva di semi e filamenti. Potremo quindi mettere la zucca sul tagliere e affettarla, con un grosso coltello affilato, in fette spesse. Anche la buccia si può staccare facilmente grazie alla punta del coltello.

Se invece abbiamo comprato una zucca intera con scorza spessa e piuttosto bitorzoluta, procederemo diversamente. Dovremo aprire l’ortaggio a metà quindi dividerlo in grossi spicchi. Con il coltello la priveremo dell’intera parte centrale compresa di semi e filamenti. Sempre con lo stesso strumento staccheremo la buccia, compresa della parte bianca tra la polpa e la scorza. Ecco come pulire e togliere la buccia a questo ortaggio autunnale. Vediamo ora alcune idee in cucina e consigli per la conservazione.

Idee in cucina

Abbiamo già detto che la zucca si presta alla realizzazione di vellutate ma anche di primi e secondi. Si può anche cucinare al forno con la buccia ma anche grigliata o bollita. Il suo gusto può essere aromatizzato grazie a erbe come il rosmarino, che si sposa molto bene con la zucca. Oppure le si può conferire una nota più piccante grazie al peperoncino. Ottima è la preparazione di caldi e golosi sformati affiancando la zucca a uova, besciamella e formaggio. Possiamo preparare anche un primo gustoso come le farfalle alla zucca, dove l’ortaggio sarà nel piatto stufato a tocchetti insieme a pezzi di cipolla. Il tutto irrorato con mezzo bicchiere di vino bianco.

Con la zucca possiamo anche preparare i dolci. Può essere frullata con zenzero e cannella per realizzare una cheesecake oppure la si può mescolare al cioccolato nelle torte. Basterà realizzare un impasto con farina, burro, uova e polpa di zucca cotta a vapore, a cui si aggiungeranno gocce di cioccolato fondente. Si verserà in una tortiera e si infornerà a 180° per 35 minuti. Con la zucca possiamo realizzare una marmellata diversa dal solito, cuocendola a pezzetti in acqua con delle mele e del succo di limone. Le idee in cucina sono davvero tantissime!

Consigli per la conservazione

Dopo l’acquisto di una zucca, e se non pensiamo subito a cucinarla, può esserci utile sapere come conservarla. Una zucca intera deve essere riposta in un luogo ben ventilato, fresco e asciutto, per evitare che marcisca. Quando tagliata, potremo conservarla fino a 5 giorni, prima che si secchi e disidrati. Se dopo la preparazione dei nostri piatti ne dovesse avanzare, possiamo conservarla nel frigo o nel congelatore. Nel primo caso la zucca può stare in frigorifero per 3 giorni avvolta nella pellicola trasparente per alimenti. Nel freezer può invece essere riposta sia cotta che cruda.

La zucca cruda può conservarsi nel congelatore sbucciata e tagliata a dadini. Andrà riposta in un sacchetto per alimenti e quindi nel freezer. Quando cotta andrà invece fatta raffreddare e messa in freezer all’interno di un contenitore chiuso ermeticamente.

Lettura consigliata

Preparare le castagne surgelate in friggitrice ad aria, padella e forno

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te