Come pulire casa al mare da sabbia e salsedine per vetri e pavimenti brillanti

Per molti è finalmente vacanza ma l’emozione di approdare nella seconda casa al mare si schianta con le condizioni in cui troviamo la nostra dimora dopo mesi di chiusura.

Soprattutto la salsedine e la sabbia trasportata dal vento si depositano su infissi, ringhiere e arredi esterni. Quindi meglio armarsi delle migliori disposizioni interiori e dedicare una prima giornata alle pulizie.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Via la sabbia

La prima cosa è pulire la sabbia che si è infiltrata all’interno. Procediamo col rimuoverla sui mobili con delicatezza per evitare di rigare le superfici e poi procediamo con l’aspirapolvere sia per il pavimento che per divani e materassi. Successivamente procediamo a lavare il pavimento con acqua e un normale sgrassatore.

Come pulire casa al mare da sabbia e salsedine per vetri e pavimenti brillanti

Lo zoccolo duro è certamente rappresentato dagli esterni: vetri e infissi in primis.

Il consiglio delle mamme esperte di pulizie e ménage (gestione) domestico è quello di rimuovere dapprima con una spugnetta la salsedine incrostata sulle ringhiere e sulle inferriate.

Prepariamo una miscela di acqua calda con sgrassatore e rimuoviamo il tutto. Se gli infissi sono in legno utilizzeremo prodotti specifici per il materiale, quindi protettivi e meno aggressivi.

I vetri

Ci siamo quasi e con i vetri riusciamo quasi a completare tutto il lavoro più ostico di pulizie da ingresso. Usiamo una miscela di acqua e limone con pochissime gocce di detergente.

Risciacquiamo con un panno umido e asciughiamo con il più classico e antico rimedio, la carta di giornale. Questo metodo ci assicura di non rigare i vetri, rischio che potremmo correre se non usiamo l’acqua.

Mobili esterni

Stiamo apprendendo passo passo come pulire casa al mare da sabbia e salsedine per vetri e pavimenti brillanti e per i mobili esterni, grosso modo valgono gli stessi criteri utilizzati finora. Molto dipende dal materiale, ovviamente.

Ma prima di lavare, dobbiamo spolverare con un panno morbido senza strofinare, altrimenti righiamo tutto. Se i mobili sono in plastica o resina possiamo procedere con acqua e un comune sgrassatore.

Se invece sono in legno dobbiamo optare per una miscela di acqua calda con detersivo specifico per legno o parquet. Finalmente ci siamo.

A questo punto possiamo godere al massimo della nostra casa per un lungo periodo di relax.

Un consiglio

Durante le pulizie meglio mandare figli e mariti in spiaggia. Se non sono collaborativi, diventano un’estenuante fonte di stress.

Meglio farli approdare in casa quando con serenità e senza pressing, abbiamo sistemato tutto.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te