Come preparare una pasta al forno da leccarsi i baffi con un’antica ricetta della tradizione napoletana 

La pasta al forno è un piatto che non ha né età né stagioni. Si può mangiare in inverno come in estate, senza possibilità di smentita. È sfizioso, saporito, ottimo per pranzi e cene di qualsiasi tipo, siano esse formali che informali. Difficilmente qualcuno si lamenterà se gliela si proporrà.

In alcune parti d’Italia è una sorta di religione. Specialmente al Sud, dove è un insieme di sapori, odori e gusti davvero straordinari. Ancora una volta è la zona di Napoli a fare da capostipite. Qui si può assaggiare anche un fantastico timballo con ingredienti tra i più disparati, tra cui anche carciofi e salsiccia.

Oggi, invece, andiamo a rispolverare la tradizionale ricetta della pasta al forno alla napoletana. Un piatto unico, in tutti i sensi, che non è impossibile da preparare anche per chi è alla prime armi con la cucina. Basta avere un po’ di attenzione e seguire bene tutti i passaggi. Iniziamo andando a scoprire gli ingredienti per sei persone.

  • 500 grammi di pasta;
  • 2 litri di salsa di pomodoro;
  • due cipolle;
  • 4 uova;
  • 200 grammi di salame Napoli;
  • 1 provola;
  • 250 grammi di ricotta;
  • olio extravergine d’oliva;
  • sale e pepe;
  • 300 grammi di carne trita di manzo;
  • 50 grammi di parmigiano;
  • aglio.

Scaldiamo circa 20 ml di olio extravergine d’oliva in una pentola con i bordi alti. Tritiamo la cipolla per preparare un soffritto a cui andremo ad aggiungere la passata di pomodoro. Lasciamo cuocere per tre ore a fiamma lenta con un coperchio. Mescolare di tanto in tanto, aggiungendo solamente del sale.

Come preparare una pasta al forno da leccarsi i baffi con un’antica ricetta della tradizione napoletana

Nel frattempo, andiamo a cuocere le uova sode. Ce ne serviranno tre. Le faremo bollire in un pentolino per una decina di minuti. Poi, dovremo togliere loro il guscio, farle intiepidire e tagliarle a pezzotti.

Subito dopo, prepareremo le polpette. Mettiamo in una ciotola la carne trita, che può anche essere suddivisa tra manzo e suino oppure essere solo l’uno o solo l’altro. Rompiamo un uovo, amalgamiamo bene aggiungendo l’altra cipolla tritata, l’aglio tagliato finemente, il prezzemolo, il sale, il pepe e il parmigiano grattugiato.

Formiamo delle piccole palline, quindi, prendiamo una padella antiaderente, copriamo la superficie con abbondante olio e andiamo a cuocerle fino a quando non saranno dorate. Lasciamo raffreddare su un pezzo di carta assorbente.

Intanto andremo a cuocere la pasta. Preferibilmente corta. Anticipiamo di qualche minuto la cottura. Dopo averla scolata, la cospargeremo con la salsa di pomodoro ormai pronta.

Affettiamo sia la provola che il salame Napoli, mentre schiacceremo con una forchetta la ricotta. È tutto pronto per unire gli ingredienti in una pirofila capiente. Prima mettiamo una strato di sugo, poi uno di pasta, quindi le uova sode, le polpette, la ricotta, la provola e il salame. Spolveriamo con il Parmigiano. Dopodiché, ripetiamo l’operazione fino al termine degli ingredienti. Chiudiamo con un’ultima generosa grattata di Parmigiano.

Scaldiamo il forno a 200° C e cuociamo per una mezz’ora abbondante. Quando si sarà formata la crosticina croccante in superficie, potremo spegnere e servire calda, fumante e indubbiamente deliziosa.

Ecco, dunque, come preparare una pasta al forno da leccarsi baffi e dita seguendo l’antica ricetta napoletana. Per un piatto unico tutto da gustare in ogni occasione.

Approfondimento

Come fare una pasta croccante e gratinata al forno con carciofi, scamorza e una besciamella senza burro per soddisfare le papille gustative

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te