Come preparare il salutare tè verde matcha secondo l’antica tradizione giapponese e fare così il pieno di antiossidanti

Esistono nel Mondo una varietà incredibile di erbe da cui è possibile ricavare degli infusi. L’antica Sapienza orientale ha voluto regalare al Mondo uno dei tè più preziosi per le sue caratteristiche particolari. Tuttavia questa bevanda sembrerebbe ancora poco conosciuta sebbene sia molto salutare. Infatti pochi conoscono come preparare il salutare tè verde matcha secondo l’antica tradizione giapponese e fare così il pieno di antiossidanti.

Nel Mondo sono due le bevande più consumate in assoluto, il caffè e il tè. Andando al supermercato troveremo tra le diverse varietà di tè: il nero, il bianco, il tè al gelsomino e il tè verde ed altri. Quello al gelsomino è un caratteristico tè della Cina, delicato e profumato, molto apprezzato in tutto il Mondo.

Tuttavia, un tè famoso per le sue proprietà salutari è il tè verde e ancor più il tè verde matcha. Quest’ultimo viene fatto selezionando le migliori foglie di tè verde.

Non a caso è ricco di antiossidanti, che potrebbe aiutare anche chi soffre di diabete e colesterolo. A differenza degli altri tè, invece di eccitare, dona un senso di calma.

In Occidente si conosce per fama la cosiddetta cerimonia del tè tipica del Giappone. Un vero cerimoniale ma anche il modo corretto per preparare il tè matcha.

Come preparare il salutare tè verde matcha secondo l’antica tradizione giapponese e fare così il pieno di antiossidanti

Il primo modo di preparare il tè matcha ci regalerà una leggera infusione dal nome di Usucha. Occorre dell’acqua calda e del tè matcha in polvere. Prendiamo un cucchiaino e mezzo di polvere di matcha (2 grammi) e mettiamolo in fondo alla tazza da tè. Poi in un’altra tazza simile versiamo l’acqua sugli 80 gradi. Ora versiamo lentamente l’acqua calda nella tazza col tè. Il passaggio evita la formazione di eventuali grumi.

A questo punto si prende il piccolo frustino in bambo tipico del tè matcha e si mischia con movimento non rotatorio ma veloce la polvere e l’acqua. Questo gesto serve per far fuoriuscire dalla polvere di tè le preziose sostanze che racchiude. Dovrebbe produrre anche una leggera schiuma.

Versiamo lentamente il tè nella tazza dove c’era l’acqua calda e gustiamo il tè. Ci sarà sempre un po’ di polvere nella tazza.

Per un gusto più denso

Koicha è il nome di questa seconda preparazione per una bevanda più densa. Il procedimento è lo stesso sopra descritto. Si devono solo utilizzare 3 cucchiaini di tè matcha cioè 4 grammi di polvere.

Versata l’acqua calda sulla polvere con la tazza, questa volta si gira con il frustino in modo rotatorio. Questo modo di girare dà un tè meno forte, di quello a zig zag sopra descritto. Bisogna mescolare fino a quando non si ottiene un liquido abbastanza denso. Si procede poi come sopra, versando il tè nella tazza dell’acqua calda per poi sorbirlo lentamente. Un tè dalle proprietà eccezionali.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te