Come potare la felce ingiallita

La felce è una pianta molto antica della quale si ha testimonianze da almeno 350 milioni di anni. Anche la simbologia che le gravita attorno è molto ricca. In tantissime leggende che la riguardano è considerata una pianta dai poteri magici e propiziatori. Un portafortuna a tutti gli effetti.

Oggi più che altro è molto apprezzata e utilizzata come pianta ornamentale da interni. In natura, solitamente, la si trova ai piedi di grandi alberi. Essendo una pianta da sottobosco, ama l’ombra e l’umidità, che rappresentano il suo habitat naturale. Deve stare lontana dalle fonti di calore e dall’illuminazione diretta del sole. Anche un clima troppo secco è pericoloso per la felce, quindi attenzione a condizionatori e termosifoni che seccano eccessivamente l’aria.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

Per un articolo che illustri come proteggere le nostre piante dall’aria troppo secca causata dal condizionatore, cliccare qui.

Segnali di una felce in sofferenza

Come valutare se la felce non sta bene? I segnali sono abbastanza chiari. Quando le foglie sono ingiallite e secche è un evidente segnale che la nostra felce non sta bene. Ma potrebbe anche semplicemente significare che è arrivato il momento di potarla. Dobbiamo potare la felce periodicamente per permetterle di crescere rigogliosa, mantenendo la sua morfologia.

Come potare la felce ingiallita? La riposta è molto semplice. Le fronde vecchie, ormai marroni o comunque ingiallite, solitamente si trovano alla base della pianta. Nella parte più esterna e bassa. Vanno recise con delle cesoie pulite. Anche gli steli ormai privi di foglie vanno eliminati. La pianta, infatti, per mantenerli in vita, spreca energie che potrebbe convogliare alle parti verdi e vitali.

Se la felce è stata esposta nel luogo sbagliato di casa ed evidenzia un malessere generale, bisogna effettuare una potatura più drastica. In questo caso si potrà effettuare una potatura severa, alla quale, peraltro, risponde abbastanza bene. Questa operazione dobbiamo farla durante il periodo primaverile o quello estivo, quando solitamente si rinvasa. Questo tipo di potatura prevede un taglio dell’intera pianta, alla base. In questo modo si potrà lasciare spazio ai nuovi germogli e permetterle di crescere sana e bella, posizionandola nel luogo giusto.

Sapere come potare la felce ingiallita permetterà a questa meravigliosa pianta di vivere moltissimi anni.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te