Come ottenere le agevolazioni IRPEF dello Stato con il bonifico parlante: cos’è e come funziona

Come ottenere le agevolazioni IRPEF dello Stato con il bonifico parlante? E soprattutto cos’è e come funziona? Quando si comprano dei nuovi mobili oppure si effettuano dei lavori di ristrutturazione o si eseguono altri interventi ecobonus, si può accedere ad alcune detrazioni fiscali. Per scaricare i costi sostenuti ed ottenere le agevolazioni IRPEF dello Stato, si deve utilizzare il “bonifico parlante”. Cerchiamo, dunque, di capire cos’è il bonifico parlante e come funziona.

Il bonifico parlante

Il bonifico è detto parlante perché deve contenere alcune specifiche informazioni. Per poter fruire delle detrazioni fiscali previste per determinati bonus, il contribuente deve utilizzare il bonifico parlante. L’obiettivo del bonifico parlante che lo distingue dal bonifico ordinario effettuato per scopi diversi è quello di dimostrare le spese sostenute. Le informazioni specifiche richieste dalla legge variano a seconda dell’agevolazione fiscale richiesta.

Cosa indicare

Quando si deve effettuare un bonifico parlante per poter usufruire delle agevolazioni fiscali si deve prestare molta attenzione. Il rischio che si corre è quello di non poter usufruire delle detrazioni fiscali se non si utilizza correttamente questo strumento. Ecco le informazioni utili da inserire nel bonifico parlante sia esso online che cartaceo. Il bonifico parlante deve contenere queste informazioni:

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

  • -la causale, ossia il motivo per cui si procede con quel bonifico
  • -il codice fiscale o la partita iva del beneficiario della detrazione
  • – il codice fiscale o la partita iva del beneficiario del pagamento
  • -la fattura a cui si riferisce il pagamento con l’indicazione della data ed il numero
  • -il nominativo della persona che effettua il bonifico
  • -la ragione sociale o il nome e il cognome della ditta che esegue i lavori con l’indicazione

Quando i lavori non riguardano una abitazione indipendente ma le parti comuni del condominio, si deve indicare il codice fiscale del condominio o del suo amministratore. Per effettuare il bonifico parlante tutte le informazioni devono essere inserite semplicemente nella causale.

Come ottenere le agevolazioni IRPEF dello Stato con il bonifico parlante: cos’è e come funziona

Qui troverete le istruzioni per accedere al bonus mobili ed elettrodomestici. Questo un fax simile di causale di bonifico parlante con le informazioni specifiche per il bonus mobili ed elettrodomestici: “Lavori di ristrutturazione edilizia e acquisto mobili (detrazione fiscale 50%) art. 16 bis DPR 917/1986. Fattura X del giorno Y, eseguita in favore di K Srl P.iva XXXX e codice fiscale YYYYY”

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.