Come messaggiare tramite cellulare senza fornire il numero a un estraneo

Messaggiare tramite cellulare senza fornire il numero a un estraneo è certamente possibile. WhatsApp, l’applicazione più usata in Italia, fornisce un rapido e sicuro servizio di messaggistica. Tuttavia, necessita che entrambi i soggetti forniscano, direttamente o indirettamente, il proprio numero all’altro. Quindi, è probabile che ci si chieda se esista un’alternativa. La risposta è sì, esiste e quell’alternativa è un’altra applicazione, Telegram, che consente di messaggiare senza dover fornire il proprio numero di telefono.

Come messaggiare tramite cellulare senza fornire il numero a un estraneo

L’applicazione Telegram è nata il 14 agosto 2013 ed era, inizialmente, disponibile solamente per iOS. Nel 2014, invece, ne è stata lanciata la versione alpha per Android. Di lì in poi la sempre più esponenziale crescita di questo servizio di messaggistica, utilizzato in Italia da  circa 9 milioni di utenti. Una delle sue particolarità è quella di consentire al fruitore di impostare uno username (e cioè uno pseudonimo) a proprio piacimento. Così, sarà possibile essere contattati senza fornire il proprio numero di cellulare. Infatti, basterà comunicare solamente quello per avere modo di essere cercati sull’applicazione e, quindi, di iniziare una conversazione.

Anche una volta trovato il profilo, la seconda persona non potrà in alcun modo venire a conoscenza del numero di cellulare di chi gli ha fornito lo pseudonimo e viceversa. Di conseguenza, qualora si voglia avere modo di messaggiare con uno sconosciuto in maniera rapida ma senza fornire dati personali, utilizzare Telegram risulta una scelta valida. Per potere comunicare su quest’ultima applicazione, infatti, è necessario fornire il proprio numero di telefono. Per assicurarsi che nessuno possa vederlo è bene accedere alle Impostazioni, cliccare sulla voce ”Privacy e sicurezza” e poi su ”Numero di Telefono”. A questo punto, spuntare la casella ”Nessuno”.

Privacy e sicurezza

È da segnalare che, a differenza di Whatsapp, Telegram non adopera la crittografia end-to-end se non non in una particolare funzionalità, detta ”chat segreta”. Per capire cosa quest’assenza comporti, la redazione di ProiezionidiBorsa consiglia di consultare quest’altro articolo, che ne illustra l’utilità in termini semplici e comprensibili.

Consigliati per te