Come l’INPS pagherà un’indennità fino a 1.000 euro per migliaia di lavoratori

L’INPS ha pubblicato in data 28 ottobre un importante chiarimento in merito agli indennizzi previsti dal Decreto Agosto. Con la circolare 125/2020, l’Ente ha infatti confermato il prossimo pagamento delle indennità. Ha altresì chiarito che chi ha percepito altri contributi con causale Covid-19 non dovrà presentare alcuna domanda. Insomma, la circolare indica come l’INPS pagherà un’indennità fino a 1.000 euro per migliaia di lavoratori e che per molti provvederà automaticamente. Si tratta di un annuncio importante anche per chi rientrerà nel nuovo Decreto Ristori. Esso consente infatti di determinare le tempistiche di effettiva erogazione e programmare con maggior serenità i prossimi mesi.

Chi percepirà 1.000 euro

I lavoratori di alcuni specifici settori particolarmente colpiti dalla crisi finanziaria riceveranno un accredito di 1.000 euro. Si tratta dei subordinati del settore turismo che hanno cessato involontariamente la propria attività dal gennaio 2019 al 17 marzo 2020. I maggiori interessati saranno quindi gli stagionali del turismo, anche in somministrazione. Il beneficio di 1.000 euro si estende anche a settori diversi da quello turistico e a contratti sia stagionali che intermittenti. Il requisito per beneficiare del bonus è la cessazione involontaria del lavoro tra gennaio 2019 e il 17 marzo 2020. Inoltre, è necessario non risultare titolari di alcuna pensione o contratto di lavoro a tempo indeterminato alla presentazione della domanda.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

I lavoratori autonomi interessati

Beneficeranno dell’accredito di 1.000 euro anche i lavoratori autonomi senza partita IVA che tra gennaio 2019 e febbraio 2020 abbiamo lavorato occasionalmente. Rientrano in questa categoria anche gli incaricati di vendite a domicilio. Per questa categoria i requisiti necessari prevedono però la titolarità di partita IVA e l’iscrizione alla gestione separata. Oltre ad un fatturato minimo per il 2019 di 5.000 euro e non aver sottoscritto nel frattempo alcun contratto di lavoro a tempo indeterminato. Il bonus da 1.000 euro interessa anche i lavoratori a tempo determinato del turismo e gli iscritti al fondo dello spettacolo. Anche per questi ultimi ci sono specifici requisiti volti a determinare l’impatto dell’improvvisa non occupazione.

Come l’INPS pagherà un’indennità fino a 1.000 euro per migliaia di lavoratori

I lavoratori del settore marittimo percepiranno invece un’indennità di 600 euro. Ricordiamo che tutti gli interessati occupati in questo settore dovranno provvedere ad inoltrare una specifica domanda. Per capire come l’INPS pagherà un’indennità fino a 1.000 euro per migliaia di lavoratori dobbiamo infatti considerare diversi aspetti. I lavoratori dello spettacolo, del turismo e alcuni autonomi rientravano già negli aiuti previsti dai precedenti interventi normativi. Per loro resta valida la prima richiesta inoltrata. I marittimi invece, percepiranno per la prima volta un sussidio. Per questo motivo dovranno necessariamente presentare una domanda utilizzando il sito o il contact center dell’INPS. Ricordiamo anche che il Decreto Agosto aveva introdotto un’estensione di altre indennità, di cui abbiamo trattato diffusamente in un articolo dedicato.

Consigliati per te